Anche Bolle si accorge che la politica italiana non aiuta l’arte

Giuseppe Picone

Evidentemente doveva mettere il piede a Napoli Roberto Bolle per capire che la politica della nostra povera Italia da decenni non sostiene la cultura. E pensare che proprio lì, nella capitale partenopea, per fortuna, esiste ancora il corpo di Ballo al Teatro San Carlo, per altro gestito benissimo da Giuseppe Picone!

Ma siamo in tempo di elezioni ed evidentemente a qualche schieramento politco la parola di Bolle fa molto comodo… «Non c’è la volontà politica di sostenere la cultura nel nostro Paese, ed è un peccato perché in questo campo ci sono delle eccellenze che rischiano di chiudere e che fanno parte del nostro dna» – queste le affermazioni di Bolle riportate sul Messaggero.

Quello che stupisce un po’ è che giornali e tv prendano come oro colato quanto dichiarato dall’etoile più amata del mondo, non ricordando che il grande direttore d’orcherstra Riccardo Muti non solo ha preceduto di lunga le sue parole, e lo aveva fatto non solo riguardo il suo campo, quello musicale, ma rivolgendosi all’arte in generale quando, in un’intervista a Repubblica, aveva commentato il no del Mibac al trasferimento delle «Sette opere di misericorda» di Caravaggio dal Pio Monte al Museo di Capodimonte per la mostra «Caravaggio Napoli»: «Negare quel Caravaggio al museo è un danno all’Italia» aveva detto Muti “La nostra arte è un tesoro d’ineguagliabile grandezza, eppure sembra che non ne siamo consapevoli”.

Riccardo Muti

Giustamente oggi su Facebook il coreografo napoletano Marco de Alteris ha pubblicato un video in cui fa presente all’etoile scaligera che chi non è una star come lui fatica a farsi avanti e a lavorare dignitosamente nel mondo della danza, e sono anni che questo si sa, ma molto elegantemente il giovane coreografo dice anche che, sia pur tardivo, ben venga l’impegno di Bolle in questo senso.

Marco De Alteris

Noi siamo d’accordo con De Alteris e con tutti quelli che lavorano per il bene della bella danza e dell’arte in generale. Allora forza Roberto, vediamo se almeno tu riesci a far cambiare qualcosa, visto che, come hai affermato, avverti la responsabilità di dover fare delle battaglie che riteni giuste.

In questa battaglia ci trovi tutti con te.

Francesca Camponero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi