A Parma la danza incontra nuovi sguardi

Il Teatro Regio di Parma

Il progetto del Teatro Regio di Parma riservato agli spettatori sensibili dedica il suo appuntamento inaugurale a ciechi e ipovedenti, invitati a scoprire il Regio e a vivere da protagonisti la danza di Aterballetto.

Il primo traguardo di RegioInsieme è il percorso elaborato per 15 disabili visivi e realizzato dal Teatro Regio di Parma in collaborazione con UICI -Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti Sezione di Parma. Vedere la danza con gli occhi della mente. Un obiettivo ambizioso e divertente, ideato da Elena Di Giovanni con la collaborazione di Francesca Raffi, in occasione della presenza al Regio della compagnia Aterballetto che chiuderà la stagione 2019 di ParmaDanza sabato 1 giugno 2019 con uno spettacolo su musiche di Johann Sebastian Bach.

Aterballetto nel nuovo progetto

Dopo la visita guidata del Teatro e dei suoi diversi spazi, con l’ausilio di tavole tattili appositamente commissionate dal Regio al Museo tattile statale Omero di Ancona, ciechi e ipovedenti con i loro accompagnatori conosceranno il Foyer Toscanini e la Sala per il pubblico e quindi raggiungeranno il palcoscenico dove sperimenteranno lo spazio dell’azione dei danzatori, gli elementi scenici, il tappeto, i costumi, gli strumenti musicali, che ciascuno potrà sentire, toccare e fingere, grazie anche al racconto degli artisti della Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto e ai musicisti dell’Ensemble Sentieri Selvaggi, che da subito hanno accolto l’invito del Teatro Regio a rendersi partecipi a questo nuovo modo di vivere lo spettacolo.

Diego Tortelli

Due le coreografie in programma alla sera alle ore 20.30, Sarabande e Domus Aurea, firmate rispettivamente da Jiří Kylián e Diego Tortelli, che gli spettatori potranno vedere grazie alle audio descrizioni, scritte da Francesca Raffi in collaborazione con Aterballetto e con l’UICI e registrate dalla voce di Carla Lugli, che in diretta, durante lo spettacolo, ciascuno di loro ascolterà in sala sul proprio smartphone via Wi-Fi, grazie all’impianto di diffusione appositamente realizzato da Sennheiser.

Francesca Camponero

[Nella foto in alto, Domus Aurea, coreografia di Diego Tortelli]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi