Il Billy Elliot italiano viene dalla Sicilia

billy-elliot_da-sx-filippo-arlenghi_arcangelo-ciulla_matteo-valentini-foto-maurizio-davanzo
Nella foto di Maurizio D’Avanzo: Filippo Arlenghi, Arcangelo Ciulla e Matteo Valentini

Qualche giorno fa abbiamo pubblicato la notizia dello spettacolo Billy Elliot a Vicenza (Billy Elliot il musical al Teatro Comunale di Vicenza).  Torniamo sull’argomento, approfittando di una nuova tappa della tournée perché, grazie a Francesca Camponero, possiamo scrivere un nuovo capitolo sui giovani talenti della danza italiana, molti dei quali, fra l’altro, provenienti dalla Sicilia. A questo tema stiamo dedicando molto spazio e sempre di più intendiamo dedicarne in futuro, perché sarà solo grazie a questi innesti di forze fresche che il mondo della danza potrà rinnovarsi e crescere. Inoltre, riteniamo giusto – e lo abbiamo già scritto diverse volte – tributare un riconoscimento (per quanto piccolo) all’immenso lavoro che le scuole di danza italiane fanno, nonostante le molte e ben note difficoltà. 

Arriverà martedì 21 marzo a Genova sul palcoscenico del Teatro Polteama l’appassionante storia di “Billy Elliot il Musical”, lo spettacolo diretto e adattato in italiano da Massimo Romeo Piparo e prodotto dalla PeepArrow Entertainment e da Il Sistina. Il musical è basato sull’omonimo film di Stephen Daldry e si presenta con un cast rinnovato: il volto del celebre ballerino che, nell’austera e bigotta Inghilterra della Thatcher, non vuole rinunciare alla danza sarà quello del giovanissimo Arcangelo Ciulla, già nel cast dello scorso anno.

arcangelo-ciulla
Arcangelo Ciulla

Arcangelo nasce ad Augusta (Siracusa) il 18 ottobre 2002 ed inizia a studiare danza all’età di 6 anni nella scuola Silva Arte Danza di Siracusa. Sin da subito si appassiona alla street dance, così decide di studiare hip hop, break dance, locking, popping e house con il maestro Simone Moncada perfezionandosi, poi, con dancers di fama internazionale. Nel 2013 Arcangelo si avvicina in maniera approfondita al musical, iniziando a studiare danza classica sotto la direzione del maestro Davide Massaro, modern jazz con la maestra Silva Zappalà, canto e recitazione con il maestro Mauro Simone e la maestra Silva Zappalà ed infine tip tap con il maestro e musical performer Giuseppe Galizia. Ha conseguito innumerevoli riconoscimenti in campo nazionale ed internazionale. Quella di Billy Elliot non è la sua prima volta sul palcoscenico, infatti ha maturato innumerevoli esperienze artistiche tra cui anche quella sempre nell’ambito dello stesso musical che lo ha visto nel ruolo di KEVIN/MICHAEL nel 2° cast. Nel 2016 ha preso parte al film “CRUEL PETER” nella parte di “ NICCOLO’”, co-produzione RAI cinema, 198 Film e in associazione con Makinarium di Leonardo Cruciano per la regia di Christian Bisceglia e Ascanio Malgagnini. Ed ancora ha lavorato nel Musical “VERSO L’ISOLA CHE NON C’E’”, con la Compagnia “Silva Arte Danza and Musical” nel ruolo di PETER PAN ed ha frequentato il Corso di perfezionamento presso la prestigiosa Accademia di musical “LAINE THEATRE ARTS” di Londra nella quale ha svolto il ruolo di solista negli spettacoli di fine corso. Nel 2016 ha anche preso parte al musical Evita.

Ma Arcangelo non è il solo talento presente nel musical, con lui nello spettacolo anche altri due giovanissimi talenti, Matteo Valentini nel ruolo di Michael, l’amico di Billy, e Filippo Arlenghi in quello di Kevin, entrambi formati dall’Accademia del Teatro Sistina diretta da Piparo e pronti a farsi valere sulla scena.

elp-110-0-1302159278-fotoantonioaarcangelo-ciulla-2
Arcangelo Ciulla

Ancora una volta per il pubblico il privilegio di un musical dal respiro internazionale, che vanta le musiche pluripremiate composte da Elton John e un cast di incredibili talenti italiani: Luca Biagini nel ruolo del padre Jackie Elliot; Sabrina Marciano in quello di Mrs. Wilkinson (la maestra di danza che scopre il grande talento di Billy); Cristina Noci nel ruolo della nonna, Donato Altomare ed Elisabetta Tulli, il fratello Tony e la mamma di Billy. Nel cast anche 30 straordinari performer coreografati da Roberto Croce. La direzione musicale è del Maestro Emanuele Friello, le scene sono di Teresa Caruso, i costumi di Cecilia Betona, l’impianto luci di Umile Vanieri.

A far da sfondo all’avventura di Billy, l’Inghilterra delle miniere che chiudono e dei lavoratori in rivolta, ma soprattutto il mondo della danza, fatto di poesia e di faticose ore di prove. Come in ogni grande storia, ad accendere le emozioni ci pensano grandi valori come l’amore, la determinazione, la voglia di farcela, ma anche l’amicizia tra adolescenti, che riesce a far superare ogni discriminazione di orientamento sessuale.

Billy Elliot The Musical ha debuttato nel West End (Victoria Palace Theatre, Londra) nel 2005 ed è stato nominato per nove Laurence Olivier Awards – il massimo riconoscimento europeo per i Musical – vincendone ben quattro. L’incredibile successo conseguito ha fatto sì che lo spettacolo approdasse anche a Broadway nel 2008 dove ha vinto dieci Tony Awards – gli Oscar del Musical – e dieci Drama Desk Awards.

Lo spettacolo al Politeama Genovese è a cartellone fino a giovedì 23 marzo (ore 21).

Francesca Camponero

[Nella foto in alto i ragazzi del cast di Billy Elliot ripresi in da Maurizio D’Avanzo in un momento di relax]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi