Yellowplace e Nuova creazione in scena a Collegno

LETS DANCE

17 marzo ore 21

Lavanderia a Vapore di Collegno

YELLOWPLACE
di e con Mattia Russo e Antonio de Rosa
+
NUOVA CREAZIONE
anteprima del nuovo spettacolo di Claudia Catarzi

Una nuova serata proposta nella stagione Lets Dance, promossa da Piemonte dal Vivo alla Lavanderia a Vapore di Collegno, punta sulla danza contemporanea con un doppia presenza di artisti legati ad Anticorpi XL, la rete dedicata alla giovane danza d’autore, che attualmente coinvolge 34 operatori di 15 regioni in tutta Italia. Anticorpi XL ha sviluppato su tutto il territorio italiano un mosaico di azioni tese a promuovere la relazione tra le formazioni artistiche nascenti e gli operatori del settore.

Apre la serata di venerdì 17 marzo alle ore 20.15 un incontro introduttivo con Carlotta Scioldo, dramaturg di Claudia Catarzi, che guiderà il pubblico alla scoperta delle linee artistiche dello spettacolo, attraverso meccanismi ludici di coinvolgimento. Partecipa anche il team di TIPS live che raccoglierà i feedback degli spettatori.

Il colore è il punto di partenza per lo sviluppo di YellowPlace dove due sconosciuti s’incontrano e raggiungono rapidamente il punto più̀ intenso del loro rapporto. Drammaturgicamente, lo spettacolo è diviso in tre parti, come i tre stadi della crescita. Il primo è l’incontro degli innamorati, l’emozione del viaggio a due. Successivamente, il rapporto si evolve in una situazione nevrotica, di dipendenza, in cui uno ama per entrambi, e l’altro ama solo se stesso. Alla fine, il pas de deux prima di separarsi, in cui tutto ritorna ad una situazione di calma. Pronti ad abbandonarsi senza saperlo, idealizzano il loro amore come l’alchimista che ha estratto la cosa più̀ preziosa.

Controversa, la storia del giallo – dichiarano Mattia Russo e Antonio de Rosa.- Odiato, amato, bistrattato, sdoganato. Il giallo è nel mondo naturale un segnale di pericolo; un segnale ripreso anche dagli uomini per la sua luminosità e immediata riconoscibilità, tanto che gialli sono gli scuolabus, i taxi, i semafori. Colore primario e perciò base di innumerevoli sfumature di colore, il giallo era uno dei colori prediletti dagli impressionisti come Matisse e Gauguin, dai Fauves e da rappresentanti dell’arte astratta come Mirò. Ci sembrava appunto un colore che esprimesse varie sensazioni, varie emozioni e che trasmettesse positività ma anche gelosia, paura, proprio come nelle relazioni personali.

Lo spettacolo ha vinto il secondo premio al Copenhagen International Choreography Competition (CICC) nel 2015 e arriva a Collegno dopo aver partecipato alla Vetrina della giovane danza XL nel 2016 a Ravenna.

Claudia Catarzi, danzatrice e coreografa, ritorna in Lavanderia presentando l’anteprima del suo nuovo spettacolo. Lo scorso anno, era stata ospite in residenza negli spazi di Collegno, nel suo percorso di creazione nell’ambito di ResiDance, azione del network Anticorpi XL che sostiene la ricerca di coreografi e danzatori che desiderano vivere le residenze per riflettere e agire sui processi di creazione e produzione di nuove opere contemporanee, nelle relazioni fra artisti, operatori, critici, pubblico e comunità di riferimento.

In “Nuova Creazione” la composizione è giocata da due corpi, un’architettura e un collage musicale. I singoli eventi si susseguono gli uni con gli altri e sono intrecciati tra loro in una partitura musicale fatta di rimandi in continua metamorfosi. La coreografia è punteggiata da pause, differenti velocità dei corpi, elaborazione di ritardi o anticipi, e si confronta con il risultato della simultaneità e della causalità.

Il mio interesse – dichiara Claudia Catarzi – è sostanzialmente, come nei miei precedenti lavori, ancora la danza, la specificità del movimento che si trasforma e si  reinventa in relazione agli stimoli a cui è soggetto. La scelta particolare di questo pezzo è sicuramente il pannello/parete che ho in scena, tre metri di altezza per otto di profondità. La sua valenza è di tipo architettonico e cioè legata al significato spaziale  materico che porta: come ci disegna la stanza, indicandoci per esempio fortemente la diagonale, come ce la limita, come permette la visibilità di fronte a questo e come impedisce invece la vista di azioni che continuano al suo retro, come si relaziona matericamente con la nostra fisicità -ci sostiene per esempio. Agisce quindi creando come un vero spazio abitato, dove persone/azioni passano, si incontrano/ non si incontrano, scorrono, si trasformano.

INFORMAZIONI 011/4322902 – biglietteria@piemontedalvivo.itwww.piemontedalvivo.it
BIGLIETTERIA Intero € 10,00 – Ridotto € 8,00 – ON LINE www.vivaticket.it
NAVETTA GRATUITA a partire dalle ore 20 e dopo gli spettacoli- A/R Fermata metropolitana Fermi

YELLOWPLACE
ideazione e coreografia Mattia Russo e Antonio De Rosa
drammaturgia Paco Bezerra
interpreti Mattia Russo e Antonio De Rosa
video e foto Alejandro Garrido
in collaborazione con il Network Anticorpi  XL
durata 10′

Kor’sia é una compagnia creata nel 2014 a Madrid da quattro giovani artisti: Giuseppe Dagostino, Diego Tortelli, Antonio De Rosa, Mattia Russo. Kor’sia trova espressione nell’associazione di un’idea culturale comune. L’equipe si pone come principale obiettivo quello del rischio, introducendosi in maniera attiva nella rete sociale che muove la scena contemporanea. Altri lavori: Descamino de Dos – 1° premio al New York Burgos, Fratres per Introdans, Recapitulo per il museo MCA Chicago, Capra Pelada in collaborazione con la Compañia Nacional de Danza, A’AB per il Guggenheim di Bilbao, Serial/Number: “For now liquid days” in collaborazione con CND, Madrid.

NUOVA CREAZIONE
coreografia di Claudia Catarzi
in collaborazione con Michal Mualem
danza Claudia Catarzi, Michal Mualem
drammaturgia Carlotta Scioldo
musiche AA.VV. e elaborazioni musicali Piero Corso, Giorgio De Santis, Spartaco Cortesi, Francesco Taddei
luci Massimiliano Calvetti
un ringraziamento speciale a Carolina Amoretti ed Elisa Capecchi
realizzato con il sostegno produttivo di Company Blu, Armunia/ Festival Inequilibrio/ Centro di residenze artistiche Castiglioncello, CCNN | Centre Chorégraphique National de Nantesin collaborazione con Interplay Festival con il supporto di spazio K.Kinkaleri, Dance Identity Vienna (Austria), Città del Teatro/ Cascina, Teatro il Moderno/ Agliana creato all’interno del progetto europeo “Be SpecACTive!” – CapoTrave/Kilowatt Sansepolcro (It), Bakelit Multi Art Center Budapest (Hu), B-51 Ljubljana (Sl), Domino Zagreb (Hr), LIFT London (Uk), Tanec Praha (Cz), Teatrul National Radu Stanca Sibiu (Ro), York Theatre Royal (Uk) con il supporto del Programma Europa Creativa dell’Unione Europea e nell’ambito del progetto Residenze coreografiche Lavanderia a Vapore 3.0/ Piemonte dal Vivo con il contributo di ResiDance XL – luoghi e progetti di residenza per creazioni coreografiche/ azione della Rete Anticorpi XL – Network Giovane Danza D’autore, coordinata da L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino
durata 67′

Claudia Catarzi, nata a Prato nel 1983, si forma in Italia e all’estero studiando fra gli altri con Marina Van Hoecke (ballet, ex insegnante di Mudra), Julyen Hamilton, Inaki Azpillaga, David Zambrano, Renate Graziadei, Ohad Naharin, Lali Ayguade, Damien Jalet, Michele Anne de Mey, Carolyn Carlson, Nita Little, K.J.Holmes. Pratica Aikido e Yoga. Inizia la sua carriera lavorando due anni con l’Ensemble di Micha Van Hoecke. Successivamente danza con la compagnia Dorky Park di Constanza Macras (Berlino), Compagnia Virgilio Sieni, Aldes di Roberto Castello, Company Blu di A. Certini e C. Zerbey, En-Knap Group di Iztok Kovač (Ljubljana), Làszlò Hudi (J.Nadj – Budapest), Compagnia Ambra Senatore. Lavora in vari progetti fra i quali Choreoroam, progetto di ricerca di Yasmeen Godder (Tel Aviv). Nel 2009 è ospite della compagnia Batsheva Dance Company di Ohad Naharin (Tel Aviv, Israele).

Nel 2014 debutta con Aringa rossa di Ambra Senatore alla Biennale de la Danse Lyon, lavoro in programma al Theatre de la Ville, Parigi, nella primavera 2015.  A novembre 2014 debutta con il proprio nuovo lavoro Intorno al fatto di cadere a Romaeuropa/DNA. Nel 2015 danza per Sasha Waltz & Guests nel Tannhauser.  Attualmente presenta i suoi solo in molti importanti festival internazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi