I corpi e i confini della danza per la chiusura del festival OrienteOccidente

Il 10 e l’11 settembre si conclude la trentaseiesima edizione di Oriente Occidente

Due giornate ricche di appuntamenti quelle di sabato 10 e domenica 11 settembre: a fianco alla programmazione del Festival tanti appuntamenti per la tre giorni del progetto europeo Moving Beyond Inclusion organizzato da Oriente Occidente in collaborazione con altri cinque partner europei e sostenuto da Creative Europe.

Si comincia sabato mattina con l’incontro sulle “Best practice europee” seguito da #Unlimited workshop per proseguire nella giornata successiva con la tavola rotonda su “La carta di Rovereto” e concludersi con lo spettacolo “Trio” della compagnia Spinn all’Auditorium Melotti.

Per il Festival Oriente Occidente invece si terrà sabato 10 l’incontro della sezione Linguaggi con Philippe Verrièle e Laurent Paillier “Danser la peinture“. In piazza Malfatti è protagonista invece la danza acrobatica dei Nofit State / Motionhouse con la performance Block. In serata al Teatro Zandonai chiudono il Festival “Two” e “Bolero” dei coreografi Emio Greco e Pieter Scholten con il Ballet National de Marseille.

[Foto in alto: Ballet de Marseille]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi