Una Giselle fuori di testa, ma diversa… dalle altre

Una produzione Daniele Cipriani Entertainment
UNA GISELLE FUORI DI TESTA, MA DIVERSA… DALLE ALTRE
Il nuovo balletto di Eleonora Abbagnato debutta al Teatro Lirico di Cagliari

Maia Makhateli

Inaugura “Autunno in musica 2021” del Teatro Lirico di Cagliari, in prima assoluta il 21 settembre 2021 (ore 20.30), la nuova Giselle, balletto con la coreografia di Eleonora Abbagnato, allestimento Fondazione Teatro dell’Opera di Roma /Daniele Cipriani Entertainment. Seguono sei recite in diversi orari (tutti i giorni fino al 26/09, con doppia recita il giorno 24).

Nel ruolo della ragazza che impazzisce per amore e diventa una creatura dell’aldilà, si alterneranno due stelle del balletto: la georgiana Maia Makhateli e l’argentina Ana Sophia Scheller; Albrecht sarà il brasiliano Flavio Salamanka in alternanza con Michele Satriano (questi è stato nominato primo ballerino del Teatro dell’Opera ieri, 17 settembre, in palcoscenico dopo una recita del balletto Notre-Dame de Paris). Il ruolo di Myrtha verrà interpretato nel primo cast, da Mariana Suriano, nel secondo dalla giapponese Madoka Sasaki, mentre il celebre Passo a due dei contadini sarà danzato dalla coppia Rebecca Storani e Simone Agrò. Hilarion è Federico D’Ortenzi, oggi membro del Philadelphia Ballet. Solisti e corpo di ballo si trasformeranno in vendemmiatori, cacciatori, nobili e, soprattutto, in leggiadre ma crudeli Villi, fantasmi delle ragazze ingannate dai loro innamorati e morte prima delle nozze.

Esegue la partitura di Adolphe Adam l’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari; sul podio David Garforth.

Flavio Salamanka

Per la sua prima coreografia di un balletto di repertorio, Eleonora Abbagnato (attualmente Direttore del Ballo del Teatro dell’Opera di Roma) ha scelto nientemeno che uno dei capisaldi del catalogo classico. Nella versione Abbagnato, l’azione segue fedelmente il soggetto di Théophile Gautier e Vernoy de Saint-Georges. La stessa Abbagnato ( già étoile dell’Opéra di Parigi) ci tiene però a sottolineare il perché di questa produzione:

“È una Giselle nel pieno rispetto della tradizione, eppure, come vedrete, diversa dalle altre. Interamente nuova è la scrittura del balletto, la coreo-grafia: ha il sapore romantico del balletto originale, ma con infusa un’energia più moderna, soprattutto nelle scene d’insieme, in sintonia con l’energia dei ballerini di oggi e con la loro tecnica assai più audace rispetto a quella di un corpo di ballo nel 1841, anno in cui il lavoro debuttava a Parigi. Gli spettatori vedranno infatti un corpo di ballo meno statico di quello della coreografia Coralli-Perrot, partecipe anche nei celebri passi a due, sia del primo atto che del secondo: Ci saranno i momenti di pantomima, nonché la celebre scena della pazzia e della morte di Giselle come nel balletto che tutti conosciamo, ma avranno un sentire più moderno e leggibile dallo spettatore .”

Eleonora Abbagnato (foto di Massimo Gatti)

Altra particolarità è il risalto che Eleonora Abbagnato dà a due personaggi femminili di riferimento, polarità (in negativo e positivo) l’una dell’altra: nel secondo atto, Myrtha, Regina delle Villi, colei che conferisce la struttura a tutto l’atto bianco (ruolo che è stato uno dei cavalli di battaglia dell’Abbagnato); nel primo atto, invece, la madre di Giselle, Bertha, colei che manda avanti con piglio una numerosa famiglia.

Una Giselle dei contrasti tra la solarità del primo atto e la notturna atmosfera di morte del seconda; a sottolinearli le scene di Andrea Miglio, dipinte e tradizionali ma – tocco moderno – con quinte e soffitti a principale. Di particolare effetto nel secondo atto la gigantesca croce di luce simboleggiante il perdono cristico di Giselle che prevarrà sull’odio di Myrtha e che, rompendo la catena karmica della vendetta, mostrerà la progressione naturale da amore a libertà.

I costumi di Anna Biagiotti sono romantici e, al contempo, raffinatamente stilizzati. Il sapiente disegno luci è di Alessandro Caso.

[In alto: bozzetto della scenografia di Giselle]

GISELLE

Musica di Adolphe-Charles Adam
Balletto in due atti
su soggetto Théophile Gautier e Vernoy de Saint-Georges
Coreografia Eleonora Abbagnato
da Jean Coralli – Jules Perrot
Direttore d’Orchestra David Garforth
Scene Andrea Miglio
Costumi Anna Biagiotti
Luci Alessandro Caso

Una produzione Daniele Cipriani Entertainment

Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari

altri credit
Assistente alla coreografica Jean-Sébastien Coleau
Allestimento Fondazione Teatro dell’Opera di Roma /Daniele Cipriani Entertainment
Assistenti di Produzione/ tour manager Silvia Stoppani Irene Silvestroni
Pianista di compagnia Vinicio Colella
Maitre de Ballet Jean-Sébastien Coleau, Cristina Saso
Laboratorio di scenografia Scenario di Gianluca Amodio
Sartoria Costume ArtLab
Sarte di compagnia Elena De Angelis, Liz Roxana Ccahua Huaman, Stefania Lacche
Parrucco di compagnia Luigi Rizzello
Tecnico di palcoscenico Fondazione Teatro dell’Opera di Roma Stefano Gabrielli
Trasporti Egidio Porcacchia e Daniele Torracca

Personaggi e interpreti

ATTO I°

Giselle
Maia Makhateli
Ana Sophia Scheller

Albrecht
Flavio Salamanka
Michele Satriano

Hilarion
Federico D’Ortenzi
Davide Bastioni 24 pomeriggio

Bertha
Cristina Saso

Wilfried
Diego Mulone

Bathilde
Nadia Khan

Duca
Luca Giaccio

Passo a due dei contadini
Rebecca Storani
Carla Mammo Zagarella 24 pomeriggio
Simone Agrò
Walter Maimone 24 pomeriggio

Amiche di Giselle
Rebecca Storani, Veruska Composto, Carla Mammo Zagarella, Teresa Strisciulli, Madoka Sasaki, Martina Quintiliani

Contadine
Federica Azzone, Alessandra Bernier, Martina Pasinotti, Valentina Chiulli, Chiara Ranca, Noemi Luna, Martina Marini, Sofia Masi

Contadini
Davide Bastioni, Walter Maimone o Leonardo Zannella 24 pomeriggio, Alessandro Casà, Federico Coletti, Sebastiano Marino, Davide Mercoledisanto, Vincenzo Mola, Francesco Curatolo

Cacciatori
Luigi La Macchia, Raffaele Salvioni, Leonardo Zannella

Caccia Donne
Alessia Sasso, Anna Del Bel Belluz, Maria Vittoria Frascarelli

ATTO 2°

Giselle
Maia Makhateli
Ana Sophia Scheller

Albrecht
Flavio Salamanka
Michele Satriano

Bertha
Cristina Saso

Hilarion
Federico D’Ortenzi
Davide Bastioni 24 pomeriggio

Myrtha
Marianna Suriano,
Madoka Sasaki 24 pomeriggio

Due Villi
Rebecca Storani, Veruska Composto

Villi
Nadia Khan, Federica Azzone, Teresa Strisciulli, Alessandra Bernier, Valentina Chiulli, Miriana Conte, Maria Vittoria Frascarelli, Noemi Luna, Carla Mammo Zagarella, Martina Marini, Sofia Masi, Martina Pasinotti, Martina Quintiliani, Chiara Ranca, Alessia Sasso, Madoka Sasaki o Anna Del Bel Belluz 24 pomeriggio

Tre contadini
Alessandro Casà, Francesco Curatolo, Vincenzo Mola

Bambini
Gaia Sulis, Pietro Grossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi