Non solo Carmen, donne vittime dell’amore

Balletto Teatro di Torino

Sesto appuntamento della
STAGIONE DI DANZA del BALLETTO TEATRO DI TORINO
alla LAVANDERIA A VAPORE di Collegno

MERCOLEDI’ 10 FEBBRAIO 2016 | h.21

EKO DANCE INTERNATIONAL PROJECT
presenta
NON SOLO CARMEN, donne vittime dell’amore

Lo spettacolo inanella pagine tratte da alcuni capolavori di Mats Ek e di Brigit Cullberg affrontando al tempo stesso il tema quanto mai attuale della violenza sulle donne. Quattro eroine del passato, assai diverse tra loro, ma accomunate da un tragico destino comune, sono le protagoniste di uno spettacolo che sconfina in qualche modo, anche il più che mai attuale tema del sociale.

Carmen, Giulietta, Giselle, ma anche Bernarda Alba, sono raccontate qui attraverso le pagine di altrettanti capolavori firmati da due coreografi che hanno fatto la storia della danza contemporanea in Europa: Mats Ek e Brigit Cullberg.

Lo spettacolo è anche l’occasione di seguire l’interessante, meritorio lavoro che Pompea Santoro, storica musa di Mats Ek, porta avanti da qualche anno e che ha il duplice valore di salvaguardia della memoria, attraverso la rappresentazione di ‘pillole’ testimoni di un’importante momento coreografico, e quello di scoprire e perfezionare uno stuolo di giovani danzatori che si affacciano oggi su una delle professioni tra le più amate.

Ideazione, regia e messa in scena di Pompea Santoro
La scimmia e il suo inconscio: coreografia Mats Ek
Carmen: coreografia Mats Ek
Giselle 1°atto: coreografia Mats Ek
Romeo e Giulietta: coreografia Birgit Cullberg
The bed scene (La casa di Bernarda Alba): coreografia Mats Ek
La vittima: coreografia Mats Ek
Giselle 2° atto: coreografia Mats Ek

Pompea Santoro, spinta dalla necessità di portare in scena una danza rivolta al sociale, affronta il tema della violenza sulle donne; una violenza che ha radici diverse e si esprime sia da un punto di vista fisico che psicologico.

La direttrice dell’Eko dance sceglie come esempi figure di donne che rappresentano diversi caratteri e generi femminili ma accomunate dal loro essere vittime dell’amore di uomini che, per compensare debolezze e frustrazioni, usano la violenza. Giselle, Carmen, Giulietta, Adela sono i personaggi scelti da Mats Ek e Brigit Cullberg per spiegare questa condizione di fragilità e di dolore. I brani presentati sono estratti da alcuni dei balletti più famosi del coreografo svedese e di sua madre che sono due dei pilastri della coreografia contemporanea e neoclassica del ‘900.

La Stagione trova spazio, all’interno delle attività previste dalla Fondazione Piemonte dal Vivo alla Lavanderia a Vapore di Collegno ed è sostenuta dal Mibact, dalla Regione Piemonte, dalla Fondazione CRT, con il determinante contributo della Compagnia di San Paolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi