Dance for Lions, concorso di danza per l’acquisto di un cane guida

“DANCE FOR LIONS”

Concorso Nazionale di Danza a scopo benefico per l’acquisto di un cane guida Lions

25 Aprile 2019, ore 14,30 – Palazzetto dello Sport
Santa Margherita Ligure

Non a caso il motto dei Lions Clubs International, associazione umanitaria fondata nel 1917, è “We serve” (in italiano “Noi serviamo”). Infatti lo scopo dell’associazione è quello di permettere ai volontari di servire la propria comunità, di soddisfare i bisogni umanitari e di favorire la pace e promuovere la comprensione internazionale attraverso i club.

Il Lions Club Santa Margherita Ligure e Portofino sotto la presidenza della Signora Marina Vasirani ispirandosi ai principi fondanti dell’associazione ha organizzato un Concorso Nazionale di danza che si terrà il prossimo 25 aprile dalle ore 14,30 presso il Palazzetto dello Sport di Santa Margherita Ligure. Il concorso alla sua prima edizione è intitolato “Dance for Lions”, ha il Patrocinio del Comune di Santa Margherita Ligure ed è aperto a tutte le scuole di danza nazionali. Un’occasione che punta a creare per i ragazzi un momento di confronto, un’occasione di visibilità e di crescita artistica, ma che ha anche uno scopo benefico di grande rilievo, infatti ricavato dalle quote di partecipazione dei ragazzi iscritti sarà totalmente devoluto al Servizio Cani Guida dei Lions per la mobilità dei non vedenti – Onlus.

Il Servizio Nazionale cani guida per ciechi Lions di Limbiate addestra cani guida per non vedenti da oltre 50 anni. Dal 1959, anno di fondazione, sono stati addestrati quasi 2000 cani che sono stati consegnati, in comodato gratuito, ad altrettanti non vedenti in tutto il territorio nazionale. Attualmente si addestrano ogni anno dai 48 ai 50 cani.
Il costo di un cane guida si aggira a circa Euro 25.000,00. I proventi provengono per il 45% dai Lions e Leo italiani, il rimanente da quote sociali, lasciti, legati e contributi di gente comune che apprezza questo lavoro di grande rilevanza sociale.
Il Centro di Limbiate è uno dei più importanti d’Europa per qualità e numero dei cani prodotti.
Dall’allevamento i cuccioli di circa 2 mesi e mezzo, vengono affidati alle famiglie volontarie (PUPPY WALKER) che, sotto la guida del Centro e a sue spese, li crescono fino ad un anno di età.
Dopo questo periodo vengono consegnati al Centro e, dopo una diagnostica completa, inizia il ciclo di addestramento della durata di circa 6 mesi.
Il non vedente, prima di avere in consegna il cane guida a lui assegnato, viene ospitato presso il Centro con un accompagnatore, sempre a spese del Servizio, per circa una settimana in modo di affiatarsi con il cane e apprendere dal suo addestratore tutte le informazioni utili per avere il massimo dal suo cane guida.

A valutare i partecipanti al Concorso sarà una prestigiosa giuria composta da: Alex Atzewi, coreografo internazionale, Beatrice Carbone, solista del Teatro alla Scala di Milano e Francesca Camponero, giornalista e critico di danza. La Giuria valuterà la tecnica, la coreografia, la scelta musicale, il talento e l’immagine scenica dei candidati, assegnando 3 premi per ogni sezione e categoria e borse di studio, riservandosi la facoltà di non assegnare premi laddove non lo ritenesse opportuno, qualora non fossero stati raggiunti dai partecipanti i livelli qualitativi ritenuti minimi. Sarà inoltre assegnato un premio della critica valutato dalla Signora Camponero che ai vincitori farà anche dono del suo libro “Stelle della danza sotto il cielo di Nervi”, dedicato al glorioso Festival Internazionale del Balletto di Nervi. Oltre ai vari trofei verranno anche assegnate borse di studio che offriranno ai ragazzi l’opportunità di studiare con ottimi maestri quest’estate.

Il 18 Maggio 2019 i Lions Club Santa Margherita Ligure e Portofino consegneranno il ricavato del Concorso al Presidente della Scuola Cani Guida Lions di Limbiate, Cavaliere Giovanni Fossati, durante la manifestazione“Passeggiando con i Cani Guida Lions” sempre organizzata dal Club di santa Margherita. 

Iscrizioni, regolamento e ulteriori informazioni


BIOGRAFIE GIURIA CONCORSO “DANCE FOR LIONS”

ALEX ATZEWI

Alex Atzewi (foto di Eros Zanini)

Inizia gli studi al conservatorio “Accademia di Nancy”. Si perfeziona a contatto di Maestri innovativi quali: M. Morris, D. Parson, Ivan Wolf, N. Cage, Bruno Collinet, Gus Bembery, B. Sajours.
Nel 1996 forma il gruppo New Dance Concept, che nell’anno 2000 si trasforma in Compagnia a tutti gli effetti. Nel 2002 Alex Atzewi è ingaggiato dal Balletto di Milano di Carlo Pesta per curare e sviluppare la produzione Moderna che si affianca alla principale attività Classica della Compagnia Milanese.
La sua Compagnia possiede un vastissimo linguaggio corporeo che spazia nel mondo del contemporaneo, il tutto sostenuto da una buona tecnica classica. La diversità e la semplicità di linguaggio della danza creata da Atzewi e messa in scena dalla sua Compagnia, consente a qualunque spettatore di apprezzare e capire il messaggio trasmesso.
La sua creazione “Pensieri” accompagna Alex Atzewi il 27 novembre 2007 a Salerno a ricevere un importante riconoscimento: “Migliore coreografo contemporaneo in Italia”.
Dal 2009 la compagnia assume il nome di ATZEWI DANCE COMPANY. Con essa inizia un nuovo percorso che lo fa apprezzare sempre più in italia e all’estero.
Importante il successo ottenuto con la produzione “Carmen”, in tournèe in tutt’Italia. Il balletto propone l’opera di Bizet in veste contemporanea, e vede come ballerini principali guests internazionali da Leon Cino e Luana Damiano fino a Beatrice Carbone, Stefania Figliossi ecc. Ottime le recensioni della critica.
Nel 2012, insieme alla sua compagnia ADC, partecipa ad un evento della Dance New Amsterdam, centro culturale e della danza internazionale situato nel centro di Manhattan (New York). L’evento APAP(Association of Performing Arts Presenters).
Numerose le sue collaborazioni, da Paolo Londi a M. Sungani e tanti altri. Nei suoi spettacoli Atzewi inserisce sempre nomi di altissimo livello che orgogliosi di prendere parte alle sue creazioni si adeguano facilmente al suo modo di fare danza che attraverso l’utilizzo del corpo si concentra sulla quotidianita e sull’essere umano nella sua complessità.

Beatrice Carbone

Beatrice Carbone con Roberto Bolle

Inizia a studiare danza con la madre, Iride Sauri, a otto anni. A quindici anni vince una borsa di studio per la Royal Ballet School di Londra e lo stesso anno entra alla Scuola di ballo del Teatro alla Scala di Milano, dove si diploma brillantemente a diciotto anni. Entra da subito nel Corpo di Ballo del Teatro alla Scala di Milano ed inizia ad interpretare importanti ruoli. A ventun’anni viene promossa Solista dallʼallora direttrice Elisabetta Terabust.
Tra i tanti ruoli che ha interpretato si ricordano: “Giulietta” con Raffaele Paganini in tournée in tutta Italia. “Olga” nel balletto “Onegin” di J. Cranko con Robert Tusley, “Kitri” nel balletto “Don Chisciotte” di Rudolf Nureyev con Thomas Edur, “Ballerina di strada” e “Regina delle Driadi” nel balletto “Don Chisciotte di R. Nureyev, “Carmen” di R. Petit, “La strega principale” nel balletto “Le Streghe di Venezia” coreografia M. Bigonzetti, “Giselle” nella versione moderna di Mats Ek, Myrta nella “Giselle” moderna di Sylvie Guillem, Myrta nella “Giselle” classica di P. Bart, “Passo a due dei contadini da “Giselle” con Roberto Bolle, la musa Polimnia in “Apollon Mousagette” di George Balanchine, l’amante ne l’“Histoire de Manon” di K. Mac Millan, una delle due sorellastre di “Cenerentola” di R. Nureyev, Gamzatti nella “Bayadère” di N. Makarova con Igor Zelensky e Jose M. Carreno, il ruolo principale in “Le Parc” di A. Preljocaj, l’Angelo nell’“Annunciazione” di A. Preljocaj, Erminia nel “Sogno di una notte di mezza estate” di G. Balanchine, Passo a tre nel “Lago dei Cigni” di R. Nureyev, La Luna ne “La Gioconda” di Derek Deane, AID (coppia principale con Roberto Bolle), “Faust” coppia principale con Maximiliano Guerra e Massimo Murru, Fata principale, Fata violenta e Passo a due ne “La Bella Addormentata” di R. Nureyev, “Artifact” di W. Forsythe. Ha vinto numerosi premi come giovane promessa della danza italiana fra cui: “Premio Positano”, “Premio Acqui Danza”, “La Giara d’argento” a Taormina, “Les Etoiles de Ballet 2000 Prix International de Danse”. Partecipa a “Opera” di A. Ratmansky al fianco di Roberto Bolle. Balla con Massimo Murru la creazione presso il Teatro alla Scala “Mediterraneo” di Bigonzetti.
Ultimamente, in qualità di Solista, ha danzato al Theatre du Capitole di Tolosa. Da anni collabora alle produzioni di Alex Atzewi.

Francesca Camponero

Francesca Camponero

Nata a Genova, assieme agli studi classici intreprende quelli della danza. Dopo la Laurea in Giurisprudenza, nel 2001 consegue il diploma in” Regia teatrale” presso l’Accademia Naz. Di Arte Drammatica “Silvio D’Amico” di Roma. Da qui, dopo essere stata assistente alla regia di vari importanti registi teatrali come Gabriele Lavia, Mario Missiroli, Marco Sciaccaluga, Andrea Liberovici, e Hugo de Ana (per la lirica), inizia a dedicarsi alla scrittura.
Iscritta all’Ordine Nazionale dei Giornalisti collabora in qualità di critico di teatro e danza con: il quotidiano IL GIORNALE, il periodico di teatro SIPARIO (di cui è stata reponsabile della Liguria), il mensile di cultura ed economia IMPRENDITORI (Pagina Cultura), i periodici nazionali di danza TUTTO DANZA ed EXPRESSION DANCE MAGAZINE, il quotidiano on line LIGURIA NOTIZIE.it. Attualmente è direttore di INFORMADANZA, redattore di Reteluna.it e inviato della rivista culturale ARTSLife.
Parallelamente all’attività di giornalista cura l’ufficio stampa di importanti manifestazioni e di artisti del mondo della danza come Vladimir Derevianko, Beatrice Carbone, Alex Atzewi, Francesca Frassinelli e della lirica come il tenore Gianni Mongiardino e il soprano Irene Cerboncini.
Ha svolto anche attività di docente presso l’Università degli Studi di Genova – DAMS – Polo Imperia.
Il suo primo libro INCONTRI (davanti e dietro la quinte) ha vinto il Premio letterario “La mia storia 2014″. Il libro è edito in formato e-book dalla casa editrice Liber Iter di la Spezia ed in formato cartaceo da Edizioni Montag.
La sua commedia “Un tavolo per quattro” ha vinto il 2° Premio Efesto Città di Catania Edizione 2016 – Sezione Teatro.
Il suo secondo libro “Stelle della danza sotto il cielo di Nervi” ed. Cordero, dedicato al famoso Festival Internazionale del Balletto di Nervi diretto da Mario Porcile, viene presentato al teatro Carlo Felice di Genova il 23 giugno 2017.
Nel 2018 esce il volume “Grandi coreografi per grandi balletti”, Ed. Gedi ( Gruppo Feltrinelli), anche questo libro è stato presentato al Carlo Felice di Genova.

Un pensiero riguardo “Dance for Lions, concorso di danza per l’acquisto di un cane guida

  • 30 luglio 2019 in 12:30
    Permalink

    Ciao Ci. Ho trovato weblog l’uso di l’utilizzo di MSN.

    Questo è davvero ordinatamente articolo scritto.
    sarò assicurarsi di un segnalibro e ritorno
    a imparare Sono in più della tua Sono utili informazioni .
    Grazie per il posto. Lo farò sicuramente rimonta .

    Maramures Grazie, buona giornata!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi