Puro incanto al Regio di Torino con Il Lago del Teatro Marinsky

Da tradizione il Teatro Regio di Torino dedica il mese di dicembre alla danza e così dopo Lo schiaccianoci di Amedeo Amodio da mercoledì 13 dicembre fino a  martedì 19 arriva, per ben otto recite, Il lago dei cigni del Balletto del Teatro Mariinskij, con la coreografia originale di Marius Petipa e Lev Ivanov.

Oksana Skorik e Alexander Parish in Il Lago dei Cigni di Natasha Razina © State Academic Mariinsky Theatre
Oksana Skorik e Alexander Parish in Il Lago dei Cigni di Natasha Razina © State Academic Mariinsky Theatre

Il Lago è un cavallo di battaglia della compagnia di San Pietroburgo che è un indubbio esempio di straordinaria tecnica e inarrivabile disciplina. La Compagnia è nata nel 1738 per volere dell’imperatrice Anna Johannovna, che fondò a San Pietroburgo prima una scuola, lo storico Istituto Teatrale Imperiale – oggi Accademia Vaganova – e poi una compagnia di professionisti nelle cui fila, in quasi 300 anni di storia, sono cresciuti e hanno lavorato tutti i più grandi ballerini russi come Anna Pavlova, Vaclav Nižinskij, Rudolf Nureyev, Natalija Makarova e Michail Baryshnikov.

Nominato maestro di ballo principale nel 1869, Marius Petipa, ballerino e grande coreografo, seppe elevare il livello qualitativo della Compagnia mescolando abilmente la grazia della scuola francese e il virtuosismo di quella italiana e plasmando le grandi ballerine della generazione a cavallo tra Ottocento e Novecento (Kšesinskaja, Preobraženskaja, Egorova) creando coreografie indimenticabili, da Don Chisciotte a Bayadère, da Schiaccianoci a Bella addormentata e appunto Il Lago dei cigni.

anastasia-kolegova-in-swan-lake-by-natasha-razina-state-academic-mariinsky-theatre-1
Anastasia Kolegova in Il Lago dei Cigni di Natasha Razina © State Academic Mariinsky Theatre

Dopo il fallimento della coreografia di Julius Reisingerdel 1877, il Lago rinasce nel 1895 al Mariinskij  e da qui raggiunge una fama planetaria. Esso incarna tutti gli ideali del tardo Romanticismo: un principe combattuto tra l’ideale di un amore puro e la passione carnale, con due personaggi femminili agli antipodi, la pura Odette e la perfida Odile. Nel duplice ruolo di Odette/Odile si alterneranno: Oksana Skoryk (13 e 16 dicembre ore 20), Anastasija Kolegova (14 e 17), Ekaterina Kondaurova (15 e 19 ore 20), Olesja Novikova (16 e 19 ore 14.30); nel ruolo del principe Siegfried danzeranno: Alexander Parish (13 e 16 ore 20), Evgenij Ivančenko (14 e 17), Timur Askerov (15 e 19 ore 20) e Filipp Stëpin (16 e 19 ore 14.30).

L’adattamento della coreografia e la messa in scena sono firmate da Konstantin Sergeev, le scene sono di Igor Ivanov e i costumi di Galina Solov’eva. La musica di Pëtr Il’ič Čajkovskij eseguita dall’Orchestra del Regio sarà diretta dal maestro Gavriel Heine.

Francesca Camponero

Costi biglietti: per i diciottenni che hanno il diritto di utilizzare il Bonus cultura al Regio, il costo del biglietto è di € 25, con la possibilità di un ulteriore biglietto a € 1. Biglietti in vendita alla Biglietteria del Teatro Regio, piazza Castello 215 – Tel. 011.8815.241/242, presso Infopiemonte-Torinocultura, nei punti vendita Vivaticket, on line su www.vivaticket.it e telefonicamente al n. 011.8815.270.

[Foto in alto: Timur Askerov in Il Lago dei Cigni di Valentin Baranovsky © State Academic Mariinsky Theatre]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi