Artemis Danza compie vent’anni e la festa dura due settimane

Ventennale Artemis Danza (1997-2017)
La compagnia diretta da Monica Casadei festeggia i vent’anni al Tieffe Teatro Menotti
16 settembre – 1 ottobre 2017

foto-per-web-spettacoli-2 foto-per-facebook-stage

Sono passati ben vent’anni da quando, nel 1997, Monica Casadei e Artemis Danza si stabilivano nella città di Parma iniziando un percorso che avrebbe portato la Compagnia ad essere una delle realtà di punta della danza contemporanea italiana.
Accogliendo l’invito del Teatro Menotti di Milano, Artemis ha scelto di festeggiare questa speciale ricorrenza abitando gli spazi del teatro per ben due settimane consecutive, dal 16 settembre al 1 ottobre 2017, trasformando il Menotti in un luogo non solo di spettacoli, ma anche di workshop, perfomance, installazioni, presentazioni di libro, matinée per le scuole e momenti di vera e propria festa, con cibo, vino e musica dal vivo.
Festeggiamenti a tutto tondo per celebrare venti anni fatti di creazioni, di progetti, di tournée in quasi 40 Paesi in tutto il mondo, ma soprattutto di incontri.
Incontri d’arte, come quelli con danzatori, coreografi, musicisti e artisti visivi, ma anche incontri fra persone, esseri umani che, in Artemis, hanno condiviso ben più della creazione coreografica o della messa in scena di spettacoli.
E sono proprio gli incontri che Artemis vuole celebrare durante la sua intensa permanenza al Teatro Menotti, dando vita a una sorta di retrospettiva in cui, fedele al segno impresso al lavoro della compagnia da Monica Casadei, l’attenzione sarà tutta focalizzata su coloro che hanno letteralmente costruito la storia, la vita e l’anima di Artemis: i danzatori.
I danzatori del passato, a partire dagli artisti francesi con cui Monica Casadei ha condiviso gli anni della sua formazione e che oramai sono nomi di spicco della scena coreografica d’oltralpe, fino agli interpreti più giovani, oggi non solo protagonisti delle ultime creazioni di Artemis e degli spettacoli di repertorio, ma anche coreografi apprezzati a livello nazionale e internazionale, nonché interpreti delle principali compagnie di danza italiane.

Rendere protagonisti i danzatori costituisce il cuore di tutto il programma di attività che Artemis presenterà a Milano, a partire, ovviamente, dagli spettacoli.

Uno spazio significativo sarà innanzitutto riservato alle creazioni di Artemis, grazie, da un lato, a I Bislacchi. Omaggio a Fellini (22 settembre), spettacolo storico che negli anni ha fatto apprezzare la compagnia in ogni angolo del mondo, e, dall’altro, ai lavori del progetto pluriennale “Corpo d’opera”, incentrato sulla rivisitazione in danza contemporanea dei principali titoli dell’opera lirica, con un focus sulla figura femminile. Saranno allora presentate le creazioni 2016 e 2017, Carmen K (30 settembre e 1 ottobre) e Donizetti®intoaRAVE (16 settembre): da una parte la selvaggia e passionale Carmen di Monica Casadei, libera di amare, vivere e morire, dall’altra una rilettura dell’opera donizettiana – con tre tempi dedicati a Anna Bolena, Pazzi per progetto e Lucia di Lammermoor –  che passa attraverso il concetto di “delirio”, perdita di controllo, uscita dal seminato.
A questi titoli si aggiungerà l’anteprima di Soli d’opera (24 e 29 settembre), percorso attraverso i titoli del progetto Corpo d’Opera sotto forma di assoli e duetti, veri e propri cammei ideati proprio a partire dalle caratteristiche fisiche ed espressive dei danzatori.
Sempre nel novero delle produzioni Artemis Danza, ci sarà Impero, spettacolo di contaminazioni fra danza contemporanea e bharatanatyam interpretato da Alessandra Pizza con le coreografie di Monica Casadei (28 settembre).
Appuntamenti di punta saranno poi quelli che vedranno protagonista proprio Monica Casadei, coreografa e interprete di Lady M. Un po’ d’acqua può bastare (primo e secondo studio, 24 e 27 settembre), con la regia di Mario Jorio.

Carta bianca poi ai giovani coreografi del progetto 3G. Negli anni, infatti, Artemis ha sostenuto economicamente e organizzativamente la creatività dei suoi danzatori, diventati oggi coreografi stimati nelle reti e nei circuiti della giovane danza d’autore italiana e internazionale. Anche in questo caso, la produzione coreografica è scaturita dall’incontro umano: coppie artistiche e gruppi di interpreti che si sono conosciuti proprio in Artemis, e che nella compagnia hanno trovato non solo linfa vitale per il loro percorso compositivo, ma anche gli interpreti ideali per le creazioni di volta in volta realizzate. Sarà dunque presente l’ironia dolceamara di Francesco Colaleo e Maxime Freixas negli spettacoli Adieu, Re-garde (17 settembre) e Beviamoci su_no game (18 settembre, ideato e interpretato con un’altra danzatrice di punta di Artemis, Francesca Ugolini), il vigore energico e assorto di Teresa Morisano (in Cydonia, 21 settembre) e la teatro-danza di Filippo Stabile (con Arché. Medi.Terra.Neo, 23 settembre), tra i cui interpreti troviamo i danzatori di Artemis Melissa Cosseta, Roberta De Rosa, Andrea Dionisi ed Emanuele Serrecchia.

I danzatori di Artemis, riconosciuti e identificati per una qualità di movimento e presenza scenica che, ben lungi dal cristallizzarsi in una tecnica definita e immutabile, li rende carismatici e generosi, sono oggi interpreti e coreografi apprezzati in numerose compagnie della scena italiana, anch’esse chiamate ad essere protagoniste della rassegna al Tieffe Teatro Menotti.
Ecco i nomi in cartellone: Ambrose Laudani e Alessandra Pizza in Harijan (Figlio di Kali) (produzione Tocnadanza, 19 settembre), Roberta De Rosa in Le città invisibili (produzione ARB Dance Company, 19 settembre), Vittorio Colella e Sara Muccioli in Okurimono (19 settembre), Antonio Cornelj in BistroT89 (19 settembre), Giulio Petrucci in Bolero Studio#1 (20 settembre), Andrea Rampazzo e Martina La Ragione in Rapporto occasionale (produzione Déjà Donné, 20 settembre), Andrea Dionisi in Mescalito (produzione Déjà Donné, 20 settembre), Nicola Marrapodi e Nicola Orlacchio) di La partita sull’aria (produzione DEOS, 21 settembre), Daniela Usai e Giovanni Macioccu in Scomposizioni (24 settembre), Roberto Lori in First Impression (27 settembre), Valeria Russo e Roberta De Rosa in Garbage Girls con le coreografie di Francesca La Cava (Compagnia E-motion, 28 settembre).
Ospite speciale sarà invece il Balletto Teatro di Torino con Il corpo sussurrando (26 settembre).

Da segnalare poi le attività collaterali, come la presentazione del volume Artemis Experience (1997-2017) dedicato ai vent’anni della Compagnia e pubblicato da Casadei Editore (22 settembre), gli incontri, la mostra fotografica Un secolo di danza, i workshop di danza contemporanea con i danzatori di Artemis e con Monica Casadei, gli stage di Hip Hop Sperimentale (con Ambrose Laudani), Aikido (con Annick Lemaire) e Danza Indiana (con Alessandra Pizza), un’audizione per danzatori professionisti, le matinées per le scuole, le proiezioni e la maratona video (25 settembre) dedicata al repertorio della Compagnia e, non da ultimo, la festa finale con DJ set (a cura di Go Dugong) e con tutti gli artisti coinvolti.
Repertorio, creatività, multidisciplinarità, interculturalità, formazione professionale e divulgazione: tutti i volti di Artemis si riuniscono a Milano.

[Foto in alto: Compagnia Artemis Danza, Traviata]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi