Tiny Uppercase. Il nostro senso nascosto, Il BTT a Scene 2021-2022

SCENE 2021-2022

Sabato 21 maggio 2022 dalle 18.00 alle 22.30
Lavanderia a Vapore | Corso Pastrengo, Collegno
4 spettatori alla volta, prenotazione su appuntamento
Durata dell’esperienza: 15 minuti

Balletto Teatro di Torino
Tiny Uppercase. Il nostro senso nascosto
Primo Studio

Danza, musica, ricerca, realtà virtuale: il Balletto Teatro di Torino fonde i linguaggi performativi, unendoli allo studio, alle collaborazioni in rete e alla tecnologia per tornare sui palchi di Scene dal Vivo sabato 21 maggio con “Tiny Uppercase. Il nostro senso nascosto”, sperimentazione innovativa in prima assoluta che permetterà al pubblico di vivere l’esperienza della danza in extended reality – XR. Dalle 18 alle 22:30 quattro spettatori alla volta avranno la possibilità di attraversare mondi virtuali e reali in un viaggio che influirà sulla loro autoconsapevolezza corporea e li indirizzerà verso una nuova prospettiva percettiva.

“Tiny Uppercase” è un progetto biennale di creazione contemporanea multidisciplinare tra danza, musica, e tecnologia, caratterizzato da un’intensa attività di ricerca e da cicli di residenze artistiche e tecniche confluite nel processo di produzione della performance. E’ stato adottato un metodo di lavoro transdisciplinare basato sull’influenza reciproca e continua tra i vari campi di ricerca e sul meccanismo di connessione e integrazione tra i diversi saperi, in un processo di co-creazione che ha coinvolto artisti, professionisti dei differenti settori, docenti e studenti del Collegio ICM (Ingegneria del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione) / Politecnico di Torino, del laboratorio StutiumLab dell’Università di Torino che sperimentano in seno alla piattaforma piemontese Officine Sintetiche, e dell’ Istituto Europeo di Design di Torino.

L’obiettivo del progetto è rivisitare, sfruttandone al massimo i punti di forza, le dinamiche e il concetto di tecnologia digitale per visualizzare la nostra percezione del corpo, dello spazio e del tempo. Siamo tutte/i consapevole/i di possedere cinque sensi: il gusto, l’olfatto, la vista, l’udito e il tatto, ma si parla molto poco della propriocezione – il nostro sesto senso, la capacità di percepire e riconoscere la posizione e il movimento del proprio essere nello spazio. Nell’ esperienza proposta dal BTT ciò che è tangibile e ciò che è virtuale si fondono per alimentare la consapevolezza viva della propria presenza nel qui e nell’ora, passando attraverso il cortocircuito-continuità tra ciò che vediamo e ciò che esperiamo – e dunque sentiamo – grazie al nostro corpo e ai nostri sensi.

Il progetto “Tiny Uppercase. Il nostro senso nascosto” ha ricevuto il contributo della Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando “ART~WAVES. Per la creatività, dall’idea alla scena” che guarda al consolidamento dell’identità creativa dei territori attraverso il sostegno alla programmazione nel campo delle performing arts e alla produzione creativa contemporanea, unendo ricerca, produzione, offerta e distribuzione in una logica di ecosistema per rafforzare le vocazioni artistiche del territorio.

Il progetto SCENE DAL Vivo ha ricevuto il contributo della Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando “ART~WAVES. Per la creatività, dall’idea alla scena” che guarda al consolidamento dell’identità creativa dei territori attraverso il sostegno alla programmazione nel campo delle performing arts e alla produzione creativa contemporanea, unendo ricerca, produzione, offerta e distribuzione in una logica di ecosistema per rafforzare le vocazioni artistiche del territorio.

Credits:
Danzatori e danzatrici del Balletto Teatro di Torino Lisa Mariani, Nadja Guesewell, Viola Scaglione, Flavio Ferruzzi, Luca Tomasoni
Direzione artistica: Viola Scaglione
Progettista culturale Ewa Gleisner
Multimedia, visual & UX Design Vanessa Vozzo
Soundscape Design Max Viale
Partitura coreografica Gabriella Maiorino

Supervisione tecnica & sviluppo VR Francesco Strada
360 Cinematography & post-production Mattia Meloni
3D modeling, technical art, supporto Unity Giuseppe Bruno, Giorgia Colombo, Vittorio Elia
Assistenza alla produzione e al design multimediale Ana Carniti
Costumi Design della Moda, indirizzo Fashion Design– Istituto Europeo di Design, sede di Torino, supervisione Ilaria Turchetti
Foto Federico Masini

In collaborazione con
Istituto Musicale Città di Rivoli “G. Balmas” nell’ambito della Stagione Scene dal Vivo 2021-22

In partnership con
Officine Sintetiche / Centro Interdipartimentale di Ricerca sulla Multimedialità ’Audiovisivo (CIRMA) dell’Università degli Studi di Torino / StiudiumLab, Collegio ICM (Ingegneria del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione) / Politecnico di Torino e Istituto Europeo di Design, sede di Torino

Con il sostegno di: Fondazione Compagnia di San Paolo – Maggior sostenitore
Con il contributo di: MiC – Ministero della cultura, Regione Piemonte, Comune di Torino/ TAP, Fondazione CRT

Info e prenotazioni
Biglietto unico: 10 euro
Durata dell’esperienza: 15 minuti,
4 spettatori alla volta, con utilizzo dei visori

Prenotazione obbligatoria:
rivolimusica@istitutomusicalerivoli.it
011 9564408 (Lu-ve 14:00 – 19:00)

[Le foto sono di Federico Masini]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi