Square Collegno, un’esperienza immersiva tra passato e presente a Collegno

SQUARE COLLEGNO
Un’esperienza immersiva – tra passato e presente, tra spazio e racconto – da vivere con il proprio smartphone e un paio di cuffie.

concezione e realizzazione Lorenzo Bianchi Hoesch
voce guida Michele di Mauro
contributi Valentina Picello, Mirella Violato, Barbara Altissimo, Doriana Crema, Tommaso Monza, Alessandro Tollari, Rosa Trolese, Viola Scaglione, Daniele Ninarello, Massimiliano Iachini, Paola Chiadò Caponet, Adriana Rinaldi, Piercarlo Miletto, Roberta Borello, Anna Gramaglia, Romeo Pitton, Domenico Canale, Giorgio Tebaldi, Silvano Calzi, Sergio Bertolotto, Lillo Baglio, Fiorenza Menni, Benno Steinegger, Amir ElSaffar, Szuhwa Wu e Deborah Lopatin
ricerca e sviluppo David Poirier-Quinot, Benjamin Matuszewski
in collaborazione con Olivier Warusfel (Espaces acoustiques et cognitifs, IRCAM-STMS), Norbert Schnell, Frederic Bevilacqua, Benjamin Matuszewski (Interaction son musique mouvement, IRCAM-STMS), consulenti scientifici IRCAM
produzione IRCAM-Center Pompidou, Ornithology Productions
produttore esecutivo PLATÔ
in collaborazione con Piemonte dal Vivo/Lavanderia a Vapore

SQUARE, installazione olofonica site-specific, nasce dalla ricerca condotta dal compositore e performer Lorenzo Bianchi Hoesch all’IRCAM/Centre Pompidou di Parigi. Già sperimentata in Francia e in Italia, l’installazione interattiva approda ora in Lavanderia, con una versione dedicata. Dopo una fase di attraversamento e perlustrazione degli spazi un tempo appartenuti al più noto ospedale psichiatrico d’Italia, SQUARE COLLEGNO è pronta all’ascolto: un progetto pensato per il territorio, che valorizza la Lavanderia a Vapore, la sua storia e il contesto ambientale che le fa da cornice, il Parco della Certosa.

Lorenzo Bianchi Hoesch, durante il periodo di residenza trascorso in Lavanderia (primavera 2021), ha raccolto le testimonianze di coloro che in passato hanno vissuto o operato in questo contesto, ma anche di quanti lo “abitano” oggi: artisti, spettatori, comunità. Una fase, dunque, di ricerca sul campo, cui è seguita la creazione dell’infrastruttura digitale vera e propria, prodotta presso il Centre Pompidou di Parigi.
L’audio è da ascoltare in situ per vivere un’esperienza immersiva a 360 gradi, tramite smartphone, da chiunque desideri visitare la Casa della Danza e il Parco della Certosa.
Il percorso inizia dal cortile della Lavanderia (corso Pastrengo 51) a cui si può accedere quando il cancello è aperto. Durata: 40 minuti circa.

Al termine del percorso, Lorenzo Bianchi Hoesch ha deciso di creare anche una sezione di approfondimento, denominata Interviste e Percorsi. Le prime sono i veri e propri montaggi dei dialoghi intrattenuti; i secondi, invece, hanno più la forma della “chiacchierata”, con i protagonisti con i quali l’artista si è imbattuto nei suoi periodi di ricerca a Collegno. Vengono “ri-percorsi” i loro ricordi, le loro memorie, la loro frequentazioni di quegli spazi. Un filo rosso tra passato recente e passato remoto.
Sul blog “Appunti di una comunità che danza”, è stata pubblicata la testimonianza di Lorenzo Bianchi Hoesch del suo periodo a Collegno. Qui un estratto:

“[…] Collegno mi ha accolto in maniera molto aperta e disponibile. Grazie a Carlotta Pedrazzoli e a tutta l’equipe della Lavanderia, il lavoro ha subito preso una direzione estremamente fertile. Nel restare giornate intere nei luoghi da conoscere, un universo sfaccettato e complesso è emerso in maniera autonoma, senza che io dovessi realmente cercarlo o costruirlo. I tre grandi periodi del posto a cui mi sono interessato: Certosa, Ospedale, Luogo d’arte, sociale e di studi universitari, sono in realtà negli occhi e nelle parole di tutti. Quasi impossibile parlare di uno senza introdurre l’altro, evocare il secondo senza per forza riassumere brevemente il primo. Vi è sempre una contiguità tra i periodi, o una differenziazione da operare, o una ridefinizione ennesima da inventarsi, insomma la stratificazione spaziale e temporale, nella Collegno che ho conosciuto io e nelle parole delle persone che ho incontrato, è il cemento che tiene insieme i racconti e gli sguardi delle persone. Ne è quindi risultata un’opera corale, con molte voci, timbri, suoni, opinioni […]”.

Tutte le informazioni sul progetto SQUARE COLLEGNO sono disponibili nella pagina dedicata sul sito di Lavanderia a Vapore.

COME ARRIVARE ALLA LAVANDERIA A VAPORE CON IL TRASPORTO PUBBLICO
Prendere la metropolitana di Torino in direzione Fermi e scendere alla fermata Fermi (fermata capolinea). Usciti dalla metropolitana, si può prendere il bus 33, il 37 o il CP1 e scendere alla fermata “Pastrengo Nord”. La Lavanderia si trova sul lato sinistro della strada.

LA GOVERNANCE
Piemonte dal Vivo, nella gestione della Lavanderia, è il capofila di un Raggruppamento Temporaneo di Organismi (RTO), che coinvolge nella governance i principali soggetti territoriali di promozione della danza. Partecipano alla RTO l’Associazione Culturale Mosaico Danza, Zerogrammi, l’Associazione Coorpi e l’Associazione Didee Arti e Comunicazione. Il progetto è realizzato con la collaborazione di MiC, Regione Piemonte, Città di Collegno e con il sostegno della Compagnia di San Paolo.

LAVANDERIAAVAPORE.EU

[In alto: Square di Lorenzo Bianchi Hoesh, NOI (foto di Andrea Macchia)]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi