I 60 anni di Jean-Christophe Maillot celebrati da Les Ballets de Monte-Carlo

Jean Christophe Maillot

In occasione delle celebrazioni di fine anno, il Grimaldi Forum ospita Les Ballets de Monte-Carlo per una serie di spettacoli che portano la firma al 100% di Jean-Christophe Maillot, che quest’anno festeggia il suo 60° compleanno.

La carriera di Maillot con Les Ballets de Monte-Carlo inizia nel 1986 quando viene invitato a Monaco per creare Les Adieux e nell’aprile 1987, Le Mandarin Merveilleux, che fa epoca. Nello stesso anno con L’enfant et les sortilèges si afferma nella compagnia monegasca. Diventa consigliere artistico per la stagione 1992-1993, viene poi nominato nel 1993 da S.A.R. la Principessa di Hannover direttore-coreografo de Les Ballets de Monte-Carlo. Il suo arrivo alla direzione de Les Ballets de Monte-Carlo dà alla compagnia un nuovo impulso e permette ai suoi cinquanta ballerini di raggiungere un alto livello di maturità e di eccellenza.

Le Lac (foto di Alice Blangero)

Crea Bêtes Noires (1993), Home Sweet Home Dov’è la luna (1994), Ubuhuha, (1995), Vers un Pays Sage (1995), Giulietta e Romeo (1996), Recto Verso (1997), l’Ile (1998), Cenerentola e Caisse-Noisette Circus (1999), Opus 40Entrelacs (2000), Œil pour Œil e La Belle (2001), Men’s Dance (2002), D’une Rive à l’Autre (2003), Noces (2003), Miniatures (2004), Le Songe (2005).

Ad oggi Jean-Christophe Maillot è uno dei coreografi francesi più rappresentati all’estero: Londra, Parigi, New York, Madrid, Lisbona, Seul, Hong Kong, Il Cairo, San Paolo, Rio de Janeiro, Bruxelles, Tokyo, Città del Messico, Shanghai, Pechino. Maillot è Ufficiale dell’Ordine del Merito Culturale del Principato di Monaco, Cavaliere dell’Ordine delle Arti e delle Lettere, Cavaliere della Legion d’Onore. Il 17 novembre 2005 è stato nominato Cavaliere dell’Ordine di San Carlo da S.A.S. il Principe Alberto di Monaco.

Dall’11 al 13 dicembre la Compagnia si esibirà nello stesso programma Dov’è la luna, balletto commovente creato nel 1994, e Core Meu, che separa la Tarantella dalla classica. Alla festa faranno parte anche Antonio Castrignanò e la sua orchestra pugliese!

Dal 18 dicembre al 3 gennaio verranno poi proposti al pubblico tre grandi balletti narrativi: Cenerentola, Romeo e Giulietta e LAC. Queste opere emblematiche del repertorio della compagnia hanno identificato Jean-Christophe Maillot nel mondo della danza: un modo personale per allineare il vocabolario classico ai tempi grazie ad una narrazione contemporanea.

I ballerini saranno accompagnati per l’occasione dall’Orchestra Filarmonica di Monte-Carlo, diretta da Igor Dronov e Kazuki Yamada.

Francesca Camponero

[In alto l’affiche di Core meu (foto di Alice Blangero)]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi