Elsy -16 anni – danza sulle punte tra le baracche di Nairobi

Il Kenya è una nazione dell’Africa orientale con la costa affacciata sull’Oceano Indiano. Comprende savane, zone lacustri, la suggestiva Rift Valley e rilievi montuosi. Qui si trovano animali selvaggi come leoni, elefanti e rinoceronti. Da Nairobi, la capitale, è possibile partecipare ai safari che attraversano la riserva Maasai Mara, famosa per le annuali migrazioni di gnu, e il Parco Nazionale Amboseli, da dove si può ammirare il monte della Tanzania, il Kilimangiaro, alto 5895 m.

Un mondo così lontano da noi, così diverso, un paese dove i grattacieli delle metropoli convivono col dilagare delle baracche, in cui vivono ormai circa due milioni di diseredati. Chi ci è stato ha visto il meccanismo economico che incentiva la formazione di queste immense riserve di manodopera a basso costo da sfruttare. Lusso e miseria che avanzano di pari passo, delineando un futuro da incubo, che da un momento all’altro potrebbe deflagrare con conseguenze al momento imprevedibili.

Le allieve della scuola di danza di Nairobi

Ma noi non vogliamo parlare delle brutture ed invece mettere in risalto quello di buono che si può trovare anche dove meno ce lo si aspetta, come quando si scopre una rosa in mezzo ad un roccia arsa. Ebbene a Nairobi è nata un fiore, una rosa bellissima, che rappresenta una speranza: ogni mecoledì una classe della Spurgeons Academy, una scuola che sorge nello slum di Kibera della città, si trasforma in una scuola di danza. Da circa sette anni il ballerino professionista Mike Wamaya insegna a decine di bambini che vivono nelle baracche della città ad amare la sua disciplina, donandogli la speranza di un futuro differente. Alcuni degli alunni di Kibera si sono guadagnati delle borse di studio grazie alla danza, altri sono riusciti ad entrare al Dance Centre Kenya e a esibirsi al Kenya National Theatre nello “Schiaccianoci”.

Tra coloro che sognano una vita migliore col sogno della danza c’è Elsy, 16 anni  cresciuta nella più grande bidonville di Nairobi, in Kenya, dove sua madre ha un chioschetto. La ragazza ha scoperto il balletto grazie alla scuola fondata da un’ONG internazionale. Assieme alla sua amica Mary si allena con grande impegno, perché sogna di diventare ballerina professionista. Elsy è bellissima perchè bellissimo è tutto ciò che brilla nel cuore di una sedicenne. Il tutù che indossa nella foto in ato è come l’abito di Cenerentola che la fata Smemorina le ha donato per il ballo a corte, un ballo che poteva sembrare una chimera e che invece è diventato l’inizio di una vita migliore per la dolce e semplice ragazza che dalla vita voleva solo gioia ed amore come tutti.

Noi auguriamo a Elsy che il suo sogno si realizzi davvero come è successo a Misty Copeland, la prima Giulietta di colore, partner in varie occasioni di Roberto Bolle, il Principe per eccellenza, che è diventata un modello per le donne afroamericane che domani ricopriranno ruoli cardine della società civile.

Francesca Camponero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi