Certi tipi di concorso non sono proprio nelle nostre corde

Ieri abbiamo ricevuto via mail una comunicazione da parte di una certa Christine Blackwood, ufficio stampa del concorso internazionale di MISS E MISTER DANZA ITALIA appena concluso il 22 dicembre 2018 presso il teatro 1 di CINECITTA’ WORLD ROMA.

Questa signora ci invitava, nel caso fossimo sati interessati, ad intervistare sia i due vincitori sia l’ideatore del concorso KLAJDI SELIMI. Francamente noi non sapevamo neppure chi fosse questo tizio, ma lui si classifica così: “un multitasking come talento (coreografo, produttore, fashion designer e designer, imprenditore) è anche figlio d’arte (il papà noto stilista e pittore la mamma è una campionessa di pallacanestro)”. La sua presentazione continua: “personaggio noto della TV (il terzo classificato come ballerino nella quarta edizione di Amici di Maria De Filippi -2004 – 2005, ha fatto parte del cast di Maurizio Costanzo – Buona Domenica per vari edizioni e anche ha partecipato a Sanremo festival 2005 nel cast(ha accompagnato il cantante Gigi D’Alessio nella sua esibizione)”.

Ebbene a lui si deve la creazione di questo concorso dalla ”formula vincente che ha unito in una competizione la danza, la bellezza e la moda, sottolineando che al talento debbano accompagnarsi la grazia, l’armonia del corpo, il portamento – doti sempre più richieste nell’ambiente accademico, spettacolo, passerelle e tv. (basta vedere l’ultima sfilata di Dior dove la sfilata e la danza fondano in uno spettacolo indimenticabile!)”, come da comunicato stampa della manifestazione.

Noi non solo non siamo interessati ad intervistare nessuno dell’organizzazione, ma affermiamo che tutto ciò non ha nulla ache vedere col mondo della danza, quello serio, quello per cui ieri abbiamo scritto un articolo su Ekaterina Maximova e giorni fa un altro su Rudolf Nureyev. Affermiano anche che manifestazioni del genere sono deleterie per quello che dovrebbe rappresentare la danza. Certo la danza è bellezza, ma non intesa come la propaganda il “multitasking di talento”. La bellezza della danza non sta nell’esaltazione dell’estetismo fisico, ma anzi è negazione della carnalità a favore dell’anima e della mente rispetto al corpo. E soprattutto ricordiamo che la danza è un’arte. Nessun’arte più della danza libera dalla pesantezza delle cose, corpo compreso, attraverso la piena espressione di mente e cuore. Che significato ha dunque premiare una Miss o un Mister della danza ? Per questo, non ce ne vogliano gli organizzatori, non pubblicheremo neanche l’elenco dei vincitori. I loro nomi avremo piacere di renderli noti se se lo meriteranno quando dimostreranno le loro capacità sul palco, quello di qualche teatro serio, naturalmente.

Francesca Camponero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi