L’Opera di Roma ha un nuovo direttore musicale: è Daniele Gatti

Daniele Gatti

Era stato licenziato quest’estate dall’Orchestra reale del Concertgebouw di Amsterdam Daniele Gatti, dopo che varie donne lo hanno accusato di molestie sessuali sul Washington Post. Una brutta faccenda a cui il direttore aveva risposto: “Sono esterrefatto, respingo ogni accusa”. Noi non vogliamo entrare in merito a questa incresciosa vicenda e invece siamo contenti di annunciare che come succede sempre nella vita, anche per Daniele Gatti chiusa una porta si apre un portone. Il Maestro infatti è stato proprio ieri nominato dal sovrintendente Carlo Fuortes direttore musicale del Teatro dell’Opera di Roma, con un incarico di tre anni fino al 31 dicembre 2021.

Com’è noto il maestro era già legato al Teatro romano da un impegno iniziato con il Tristan und Isolde (inaugurazione della stagione 2016-17), proseguito l’anno successivo con La damnation de Faust (12 dicembre 2017) e che ha visto il maestro Gatti aprire domenica sera la stagione 2018-19 del Teatro Costanzi con il Rigoletto. In futuro il nuovo impegno prevede la direzione di tre opere per ogni stagione, a partire dalla 2019-20.

Io personalmente ho una grande stima di Gatti con cui ho lavorato nel 1999 in Viaggio a Reims per la regia di Luca Ronconi al Rossini Opera Festival. Stima che sembra avere anche la Sindaca di Roma Virginia Raggi, presidente della Fondazione Teatro dell’Opera di Roma, che ha sottolineato come “il prestigio dell’Opera di Roma, già accresciuto dall’impegno comune degli ultimi anni, venga aumentato dalla significativa presenza del maestro Gatti, riconosciuto come uno dei maggiori direttori d’orchestra nel panorama mondiale”.

Viaggio a Reims, regia di Luca Ronconi (1999)

Dal canto suo il maestro milanese dichiara “È un onore per me poter accogliere questo nuovo incarico nel Teatro dell’Opera della capitale del mio Paese. Due anni fa, su invito del sovrintendente Carlo Fuortes, ho iniziato un percorso con i musicisti e con tutte le persone che lavorano in teatro, che ci ha dato grandi soddisfazioni. Sono quindi particolarmente felice di poter intensificare il mio lavoro qui, e di legarmi a un teatro che si è recentemente distinto per l’altissima qualità dei suoi progetti e del lavoro di tutti coloro che sono chiamati a realizzarli”.

Auguri dunque al nuovo arrivato e buon lavoro.

Francesca Camponero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi