Maratona Bausch. Danzare la memoria, ripensare la storia

QUELLO CHE CI MUOVE
Stagione 2018/2019
Lavanderia a Vapore di Collegno – Corso Pastrengo 51

MARATONA BAUSCH
DANZARE LA MEMORIA, RIPENSARE LA STORIA
Un progetto a cura di Susanne Franco
per la Lavanderia a Vapore – Piemonte dal Vivo
16-18 novembre 2018

La Lavanderia a Vapore di Collegno è la casa della danza in Piemonte e nuovo membro di EDN – European Dancehouse Network, prestigiosa rete europea delle Case della Danza.

Un luogo che ha fatto della ricerca e della cultura della danza il proprio centro d’azione, con relazioni che partono dal territorio e arrivano all’internazionale. Uno spazio dove il dialogo tra il passato e il presente è vivo e manifesto, in una tensione continua verso la creazione contemporanea e la sperimentazione. QUELLO CHE CI MUOVE è il titolo delle attività 2018 2019 (ispirato al libro Quello che ci muove. Una storia di Pina Bausch di Beatrice Masini, edito da Rueballu), un omaggio che la Lavanderia vuole rivolgere alla grande danzatrice e coreografa del 900 in vista dell’imminente decennale della sua morte. Ma non solo. Quello che ci muove è l’ispirazione che guida tutte le attività della Lavanderia, dove a tutti è data la possibilità di esplorare i temi della creazione contemporanea, della danza e del benessere. Spettacoli, residenze artistiche, progetti partecipati e formazione – programmati da Piemonte dal Vivo in collaborazione con diversi soggetti – animano i tanti spazi di quella che era la lavanderia del più grande ospedale psichiatrico d’Italia. A 40 anni dalla promulgazione della Legge Basaglia, la Lavanderia a Vapore è un Centro di Residenza, dedicato alla danza e alla creazione contemporanea, unico caso in Piemonte. Un importante riconoscimento stabilito dal Mibac per differenziare quei luoghi in cui l’attività di residenza artistica è il focus del progetto, portata avanti con continuità e con relazioni nazionali e internazionali.

Il progetto “Maratona Bausch. Danzare la memoria, ripensare la storia” – dal 16 al 18 novembre – è stato pensato per rendere omaggio a Pina Bausch in vista dell’imminente decennale della sua scomparsa avvenuta nel 2009. La storia del Tanztheater Wuppertal Pina Bausch e dei suoi spettacoli, che si sono susseguiti per decenni sui palcoscenici di tutto il mondo, è stata scritta da critici e studiosi e, dopo la morte di Bausch, continua a essere custodita dalla compagnia, con il suo repertorio, e dalla Pina Bausch Foundation con il relativo archivio. Questa storia attraversa il tempo anche con la trasmissione della poetica di Pina Bausch a nuove generazioni di artisti, grazie ai danzatori che hanno continuato a far parte della compagnia dopo il 2009 e a quelli che hanno proseguito i propri percorsi altrove come interpreti, insegnanti o coreografi. Questo patrimonio artistico ha segnato in modo indelebile la scena teatrale del XX e del XXI secolo e l’immaginario degli spettatori, che a loro volta ne custodiscono la memoria e il mito.

Tre spettacoli (Jessica and Me di C. Morganti, Rewind di D. Deflorian e A. Tagliarini, Oro di Foscarini – Lopalco), un cortometraggio di Rossella Schillaci, una video-installazione, una mostra fotografica, un workshop per danzatori, un seminario di studio, incontri con artisti e presentazioni di libri offriranno allo spettatore di oggi l’occasione di confrontarsi con i diversi aspetti di questa eredità e con le molte dimensioni della memoria. Un filo quello del “danzare la memoria” che la Lavanderia segue fin dallo scorso anno con il progetto speciale per la Giornata Internazionale della Danza promossa dall’UNESCO. Quest’anno il progetto formativo e performativo da realizzare insieme alle scuole di danza con cui fin dal 2015 Piemonte dal Vivo collabora è dedicato a Pina Bausch con The NELKEN – Line by Pina Bausch il 28 aprile a Torino.

PROGRAMMA COMPLETO

16 novembre

dalle 12 alle 14, Università degli Studi di Torino

  • Seminario Ereditare Pina Bausch con Alessandro Pontremoli (Università di Torino), Susanne Franco (Università Ca’ Foscari Venezia) e Gaia Clotilde Chernetich (studiosa di danza e dramaturg)

ore 19, foyer della Lavanderia a Vapore

  • Presentazione della video -installazione Café Müller (1978)
    a cura di Susanne Franco e Gaia Clotilde Chernetich in collaborazione con Cro.Me (Cronaca e memoria dello spettacolo).
  • Mostra fotografica di Piero Tauro e Ninni Romeo su Pina Bausch e il Tanztheater Wuppertal Pina Bausch
  • Presentazione del volume Architetture della memoria. L’eredità di Pina Bausch tra archivio e scena (in corso di pubblicazione) di Gaia Clotilde Chernetich (in corso di pubblicazione per Accademia University Press, Torino) con Susanne Franco e Antonio Carallo (danzatore già membro del Tanztheater Wuppertal Pina Bausch).

ore 21, teatro della Lavanderia a Vapore

  • Jessica and me, spettacolo di e con Cristiana Morganti

17 novembre

ore 17, Lavanderia a Vapore

  • Presentazione del volume Quello che ci muove (2017) di Beatrice Masini e illustrato da Pia Valentis per lettori +8 anni. Il volume è presentato da un gruppo di bambini selezionati presso scuole di danza locali con parti parlate, danzate, cantate alla presenza dell’autrice.

ore 19, Lavanderia a Vapore

  • Presentazione del cortometraggio Quello che ci muove (2018) di Rossella Schillaci (videomaker e antropologa visiva) prodotto dalla Fondazione Piemonte dal Vivo in collaborazione Pina Bausch Foundation. Il cortometraggio basato sulle audio interviste realizzate a partire da un bando diffuso attraverso la stampa, i social network e siti web delle organizzazioni coinvolte, con persone che hanno assistito a spettacoli di Pina Bausch in Italia.

ore 20.30, teatro della Lavanderia a Vapore

  • Rewind. Omaggio a Café Müller di Pina Bausch (2008) spettacolo di e con Daria Deflorian e Antonio Tagliarini
  • Oro. L’arte di resistere (2018) coreografia di Francesca Foscarini, drammaturgia di Cosimo Lopalco; creato ed interpretato con i Dance Well dancers

18 novembre

dalle 10 alle 18 Lavanderia a Vapore

  • Workshop di Julie Anne Stanzak in vista del progetto “THE NELKEN-Line by Pina Bausch” curato dalla danzatrice con le allieve delle scuole di danza di Torino (28 aprile 2019).

piemontedalvivo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi