Da Schubert a Gershwin con la MM Contemporary Dance Company

La bella compagnia di Michele Merola, che lo scorso anno ha debuttato al Comunale di Ferrara con un grande successo di pubblico, torna martedì 30 ottobre, alle ore 15 e alle 21, con una proposta di sicuro interesse costruita intorno a due compositori che hanno segnato la propria epoca in modo indelebile: Franz Schubert e George Gershwin.

Schubert Frames, coreografia di Enrico Morelli (foto di Tiziano Ghidorsi)

Lo spettacolo è firmato da Michele Merola – che dopo un passato di danzatore nel 1999 ha fondato la MM Contemporary Dance Company, ensemble tra i più interessanti nel panorama della danza contemporanea italiana -, ed Enrico Morelli, entrato nella compagnia nel 2004 come danzatore e sempre più spesso attivo anche come coreografo.

Lo spettacolo in scena a Ferrara è composto da un dittico: Schubert Frames di Enrico Morelli e Gershwin Suite di Michele Merola.

Riorganizzando brani tratti dai tanti capolavori di Schubert, Enrico Morelli in Schubert Frames costruisce una partitura musicale di grande intensità che fa da colonna sonora a una riflessione sulle molte facce dell’uomo contemporaneo. I danzatori restituiscono sulla scena la ricchezza della partitura musicale con una gestualità estremamente ricca – ora tesa, ora fremente, ora languida – che parla della vulnerabilità e della complessità delle relazioni fra le persone. Il lavoro non ha nulla di narrativo, ma è costruito su un tessuto coreografico ricco in cui le relazioni fra i danzatori alludono in modo chiaro a rapporti ambigui, sempre sospesi fra solitudine e speranza di felicità.

A questo desiderio di condivisione destinato a non trovare mai pace fa da contraltare Gershwin Suite. Le note di brani lussureggianti e vivaci come Summertime a Rhapsody in blue si affiancano qui alle atmosfere sensuali e seducenti delle pagine più liriche del grande musicista, in una serie di “quadri” che richiamano umori e atmosfere degli Anni Ruggenti. Il tutto illuminato dalle suggestioni pittoriche di un altro grande artista americano del ‘900, Edward Hopper. “Sono stato attratto – chiarisce Merola – dalla capacità del pittore di costruire atmosfere e sfumature che tratteggiano risvolti e segreti della condizione umana.” Ispirati direttamente ai quadri di Hopper, sfilano l’intimità dei passi a due e degli assoli, ma anche le scene di insieme, dove voglia di vivere e riscatto dal quotidiano prendono il sopravvento. Sul palco tanta varietà assume i modi di un set cinematografico, grazie anche ad una scenografia che cambia in continuazione, proprio come in un set, e ad una coreografia caratterizzata da una grande varietà di toni che vede impegnati 11 danzatori di grande talento e versatilità.

INFO e VENDITA: tel. 0532 202675, www.teatrocomunaleferrara.it

[In alto: Gershwin Suite, coreografia di Michele Merola (foto: Tiziano Ghidorsi)]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi