Alla Biennale di Venezia il primo bando Scrivere di danza

Biennale di Venezia

Da  mercoledì 16 maggio è on line sul sito della Biennale di Venezia il bando “Scrivere di danza”, che è  il primo di quattro bandi di Biennale College – ASAC (Archivio Storico della Biennale) dedicati al progetto Scrivere in residenza, che coinvolge i settori dello spettacolo – Danza Musica Teatro Cinema.

La nuova iniziativa di Biennale College coinvolge i settori artistici e l’ASAC. – dice Paolo Baratta, Presidente della Biennale di Venezia – Ci siamo detti: ma non fa parte anche delle nostre attenzioni quella che dobbiamo rivolgere alla qualità dello scrivere? In particolare dello scrivere in ciascuno dei campi nei quali offriamo al pubblico dei visitatori ma anche degli informatori, dei giornalisti e dei critici del futuro una straordinaria sequenza di occasioni per riflettere e trasmettere ad altri i nostri pensieri? Non è proprio questa l’essenza del dialogo che vogliamo promuovere come istituzione? Visto anche che alla Biennale si ha modo di vivere sia l’esperienza dei festival sia di godere delle ricchezze del nostro Archivio? Non è un’occasione unica per giovani che ancora vogliano cimentarsi con lo scrivere (attività essenziale alla nostra cultura, ma che le informazioni che abbiamo ci dicono essere in pericolo di grave contrazione)?

Biennale di Venezia

I quattro bandi nazionali di Biennale College – ASAC sono intitolati: Scrivere di danza, Scrivere di teatro, Scrivere di musica, Scrivere di cinema. I bandi sono dedicati a un massimo di 12 giovani laureati under 30 (3 per ogni settore), studiosi delle arti dello spettacolo – Danza, Musica, Teatro, Cinema – per la redazione di testi che saranno raccolti in una pubblicazione della Biennale di Venezia.

Ogni settore ha un tema specifico scelto in relazione ai programmi dei singoli festival e verrà approfondito sotto la guida di un tutor. Scrivere di danza, il primo bando lanciato, ispirandosi al 12º Festival Internazionale di Danza Contemporanea ha come tema di studio “il soffio creatore e la respirazione” e si svolge sotto la guida della studiosa di danza e critica Elisa Guzzo Vaccarino. La ricerca sarà sul campo: i candidati selezionati saranno invitati ad assistere ai programmi di ciascun festival e guidati dal relativo tutor faranno ricerca nelle sedi dell’Archivio Storico della Biennale di Venezia.

Biennale Danza

Successivamente alla visione degli spettacoli del festival, i giovani studiosi entreranno nello specifico del proprio tema in Archivio: guidati dal tutor porteranno avanti una ricerca di fonti, di riferimenti storici per la redazione di un testo da un minimo di 10 a un massimo di 15 cartelle dalla sua prima bozza alla versione per la stampa.

Ciascun bando prevede tre fasi di attività a Venezia nelle sedi della Biennale (Ca’ Giustinian, Arsenale, Biblioteca della Biennale ai Giardini, Archivio Storico al VEGA): partecipazione ai festival, studio specifico in Archivio, stesura e analisi della prima bozza di testo. È prevista una giornata di presentazione comune dei lavori che saranno, infine, raccolti in una pubblicazione della Biennale di Venezia. I selezionati potranno usufruire di una foresteria messa a disposizione della Biennale di Venezia, della tessera per il trasporto pubblico in città, dei pasti (pranzo).

Il testo ufficiale e completo del primo bando Biennale College ASAC, Scrivere di danza, è consultabile all’indirizzo http://www.labiennale.org/it/biennale-college.

Francesca Camponero

[In alto: Lucinda Childs Dance, Biennale Danza 2017, Teatro alle Tese dellArsenale, Venezia (foto di Andrea Avezzù)]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi