Danza contemporanea, musica e luce protagonisti di Von con la Compagnia Stalker_Daniele Albanese

Grande energia e suggestione per un’indagine sul confine tra il chiaro e lo scuro, la trasformazione dell’energia e la sua metamorfosi

Di scena al Teatro di Sant’Andrea mercoledì 7 febbraio alle ore 21.

Dopo lo spettacolo un incontro/conversazione con il coreografo a cura di Silvia Poletti

von

La danza contemporanea arriva al Teatro di Sant’Andrea di Pisa con il nuovo lavoro della Compagnia Stalker, VON, ideato e realizzato dal coreografo e danzatore Daniele Albanesemercoledì 7 febbraio ore 21, nell’ambito della Stagione di Danza 2017/18della Fondazione Teatro di Pisa, ideata dal direttore artistico Silvano Patacca, insieme con la Fondazione Toscana Spettacolo onlus.

Uno spettacolo dal titolo semplice ma enigmatico, preso in prestito dalla lingua tedesca, che rimanda ad un altrove non definito, Von, creazione vincitrice di Anticorpi XL CollaborAction 2016/17, una delle azioni della Rete Anticorpi XL, un’articolata forma di sostegno di promozione per giovani coreografi indipendenti italiani, di cui sia la Fondazione Teatro di Pisa che la FTS onlus fanno parte.

“Nello spettacolo – racconta Albanese – l’orizzonte degli eventi delimita in un buco nero una immaginaria superficie di spazio-tempo  che separa i punti da cui i segnali possono fuggire da quelli per cui ciò non è più possibile. Questa zona immaginaria di confine e di passaggio tra ciò che è chiaro e leggibile e ciò che è oscuro e misterioso è la zona di indagine di Von. Una riflessione sulla danza intesa come continua mutazione e trasformazione in rapporto con le forze che agiscono sui corpi e sullo spazio in una coreografia di movimento, luce e suono. Forze naturali, forze fisiche e forze politiche che mutano, distorcono e muovono i corpi e il loro incedere nel tempo, onnipresente personaggio di questo spettacolo”.

Formatosi in Olanda allo European Dance Development Centre con i grandi maestri del postmodernismo americano come Steve Paxton, Eva Karlzag, Lisa Kraus, Benoit Lachambre, Daniele Albanese ha lavorato come interprete con coreografi come Peter Player, Tony Thatcher, Virgilio Sieni, Nigel Charnock, Karine Ponties. Nel 2002 fonda la compagnia Stalker, il cui nome deriva dall’omonimo film di fantascienza di Tarkovskij, con lo scopo di indagare la danza come linguaggio, presentando i propri spettacoli in importanti festival e teatri in Italia e all’estero.

 “… è la viva e vibrante energia che emerge, travolge nel suo ultimo lavoro, VON … Ed è la continua metamorfosi dinamica che colpisce e rapisce lo sguardo degli spettatori toccando simultaneamente corde profonde: la potenza dei gesti in continua trasformazione che danza tra luci ed ombre, tra stasi e movimento, suoni, silenzio e un equilibrio urgentemente cercato e magicamente raggiunto nei segnali infinitesimali di un universo liquido. Non è narrativa la danza di Albanese, non racconta storia, ma in verità dice tantissimo: dice potentemente ciò che le parole non sanno… “ così scrive Mariacristina Maggi sulla Gazzetta di Parma.

Interpreti dello spettacolo, oltre allo stesso Albanese, sono Marta Ciappina e Giulio Petrucci, luci disegnate da Alessio Guerra, musica originale a cura di Lorenzo Donadei Luca Nasciuti per l’ultimo assolo. Coproduttori Torinodanza festival / Fondazione del Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale, CDC – Les Hivernales/Avignon, Halles de Schaerbeek con il sostegno di Garage 29/Bruxelles, Associazione Stalk/Parma. Progetto sostenuto da CollaborAction#3 – azione del Network Anticorpi XL, in collaborazione con festival, rassegne e stagioni a cura di Anticorpi e Ater, Interplay, Piemonte Dal Vivo, Amat, Arteven, Artedanzae20, Teatro Pubblico Pugliese, C.L.A.P.Spettacolodalvivo, Armunia, FTS Onlus, Centro Santa Chiara. Progetto sostenuto dal “Fondo per la Danza D’autore Regione Emilia-Romagna 2015/2016”. Residenze artistiche: Halles de Schaerbeek e Garage 29 (Bruxelles)/in collaborazione con Torino Danza Festival/Wallonie-Bruxelles International (WBI)- Wallonie Bruxelles Thèâtre Danse (WBTD)/Città di Torino, Lavanderia a Vapore 3.0/ Piemonte dal Vivo, Teatro Petrella di Longiano /Comune di Longiano con Teatro Dimora / Arboreto Mondaino, Teatro Consorziale di Budrio – Comune di Budrio (Bo) con H(abita)T /rete di spazi per la danza, Teatro delle Briciole – Solares fondazione delle Arti/Parma, Europa Teatri/Parma, Santarcangelo Festival/Santarcangelo di Romagna.

Al termine dello spettacolo è previsto un incontro/conversazione con il coreografo a cura di Silvia Poletti, critico e studiosa di danza, aperto alla partecipazione del pubblico.

Biglietti con prezzi che variano da 10,00 a 5,00 Euro, con le consuete riduzioni, oltre a quella del 50% per giovani, studenti e scuole di danza, in vendita presso il Botteghino del Teatro Verdi.

Per ulteriori informazioni:
Fondazione Teatro di Pisa, tel 050 941111,  www.teatrodipisa.pi.it

[Foto in alto di Andrea Macchia]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi