Chailly dirige la Messa per Rossini alla Scala

rossini-wide
Gioacchino Rossini

I prossimi 10, 12 e 15 novembre Riccardo Chailly dirigerà per la prima volta alla Scala la Messa per Rossini. Il Requiem collettivo fu scritto da Giuseppe Verdi e altri dodici colleghi nel 1869 in memoria del compositore di Pesaro. Pagina che non fu mai eseguita: ritenuta perduta, fu ritrovata nel 1986 e proposta in Germania nel 1988 da Helmut Rilling.

chailly3
Riccardo Chailly

«Quando ho iniziato il mio mandato come direttore musicale del Teatro alla Scala ho detto di voler valorizzare gli autori italiani. – ha detto Chailly- Nella Messa per Rossini, partitura di oltre cento minuti, ci sono pagine di tredici nostri compositori. Il Requiem e il Kyrie culminano in una doppia fuga e dimostrano come la musica sacra fosse studiata e parte naturale di una cultura musicale nazionale. Il Lacrymosa ricorda Palestrina e Bach. E c’è il Libera me, Domine che Verdi userà per il suo Requiem. Tutti i numeri poi sono meditazioni sul significato della vita e della morte».

Con questi concerti, Riccardo Chailly anticipa le celebrazioni per il 150° anniversario della scomparsa di Rossini e compie un passo di rilievo nel percorso di riscoperta del repertorio italiano dell’Ottocento. La Messa per Rossini nasce infatti sotto l’egida di Giuseppe Verdi, che per essa scrisse la prima versione del Libera me, Domine poi riutilizzato per il suo celebre Requiem, ma è anche un’opportunità preziosa per ascoltare autori di grande successo all’epoca e oggi poco noti: Antonio Buzzolla, Antonio Bazzini, Carlo Pedrotti, Antonio Cagnoni, Federico Ricci, Alessandro Nini, Raimondo Boucheron, Carlo Coccia, Gaetano Gaspari, Pietro Platania, Lauro Rossi e Teodulo Mabellini.

Alla solennità della musica sacra si unisce in questa partitura la vena drammatica e teatrale della grande tradizione operistica italiana. Oltre a Coro e Orchestra della Scala al completo, questa messa richiede infatti un cast di voci soliste di primo livello. Per l’occasione, ascolteremo alcuni dei maggiori interpreti operistici d’oggi: Maria José Siri, Veronica Simeoni, Giorgio Berrugi, Simone Piazzola e Riccardo Zanellato.

Francesca Camponero

Il tuo commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi