Una lectio magistralis quella di Lavia che dice Leopardi

Continua la nostra escursione nell'”universo parallelo” del teatro di prosa con questa chicca che Francesca Camponero ha voluto regalarci. Oggi parliamo di un grande attore e regista che, nel corso della sua lunga e fortunata carriera, ha sempre mostrato una spiccata predilezione per la scena, invece che dedicarsi al forse più remunerativo cinema, Gabriele Lavia che nel suo ultimo spettacolo, in tournée in diversi teatri italiani.

lavia-ringrazia-il-pubblico-alla-fine-dello-spettacolo
Gabriele Lavia ringrazia e saluta il pubblico al termine dello spettacolo
lavia-3
Gabriele Lavia

Si imparano un bel po’ di cose ascoltando l’ultimo spettacolo di Gabriele Lavia. E questo perchè il grande attore e regista questa volta ha deciso di non recitare soltanto, ma di condividere una parte del proprio sapere (che è tanto) con il suo pubblico fatto di giovani, di meno giovani, di vecchi e di bambini, che con una vena melamconica nel cuore hanno deciso di rispolverare le loro reminiscenze dei banchi di scuola per ascoltare  “Leopardi” detto da Lavia.

Del resto Gabriele Lavia, arrivato anche lui ad un’età piuttosto matura, adesso sembra senza dubbio più interessato ai segreti celati dentro la struttura poetica dell’immortale Giacomo piuttosto che al suono della propria  “finzione” (che, come ci ha ricordato proprio lui stesso, deriva dal greco poèyn, termine che poi ha dato origine alla parola poesia e che significa “mettere in opera”) ed ecco che il suo “Lavia dice Leopardi” diventa una lectio magistralis. Lavia prova un immenso piacere, si vede benissimo, nello scavare nei contenuti di quelle poesie che tutti noi abbiamo dovuto, volenti o nolenti, imparare a memoria senza averne mai capito bene il vero significato.

lavia-dice-leopardi_02-440x580
Gabriele Lavia

E così partendo  da Il sabato del villaggio”, Lavia analizza gli aspetti  manifatturieri e rurali,  fino quelli mitici, rivelando agli spettatori  come all’interno di ogni poesia di Leopardi ci sia sempre quel profondo senso di morte. Fra questa prima analisi sul “ sabato”e l’ultima che farà con la celeberrima L’Infinito, l’attore si diverte  ad esibire la sua arte recitativa in un flusso continuo di poesie leopardiane che non hanno un punto l’una dall’altra, ma che il pubblico riconosce dal primo verso, fino ad arrivare a consigliare al pubblico di visitare Recanati.

Quelle che ci presenta Lavia sono creature solitarie e un po’ tristi , come lui, che sente avvicinarsi la fine della vita e ne è così follemente innamorato. Spettacolo che merita senza dubbio di essere visto ed assaporatato a pieno.

Francesca Camponero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi