Tsunami e Licheni, concerti con acosmonium e performance di danza butoh a Torino

Teatro Espace
Via Mantova 38, Torino

12-13 Settembre 2017
Teatro Espace e Associazione Audior
presentano

TSUNAMI E LICHENI

Concerti con l’Acusmonium
e
Performance di danza Butoh
con Ambra Gatto Bergamasco, Marcella Fanzaga

Composizioni di:
Gabriele Balzano, Maylis Raynal, Sandra Elizabeth González, Constantin Popp, Sophie Delafontaine, Gianluca Delfino, Evelyn Frosini, Simon Emmerson, Manfredi Clemente, Eric Cordier, Dante Tanzi, Cara Arndt, Bernard Parmegiani, Daniel Schachter, Giorgio Bianchi, Giovanni Cospito

Interpretazione Acusmatica: Gabriele Balzano, Giorgio Bianchi, Dante Tanzi

Progetto Elettroacustico: Eraldo Bocca

Martedì 12 e mercoledì 13 settembre 2017, al Teatro Espace di via Mantova 38, appuntamento con la rassegna TSUNAMI E LICHENI promossa da Teatro Espace e Associazione Audior che prevede, per la prima volta a Torino, un programma di due concerti di musica acusmatica e altrettante performance di danza Butoh, tutte eseguite su questa forma musicale.

Sismi, Tsunami e altre catastrofi è il primo dei concerti, martedì 12 settembre alle ore 22.15, con Giorgio Bianchi e Dante Tanzi interpreti all’acusmonium che eseguono composizioni (alcune delle quali in prima esecuzione assoluta) di Bernard Parmegiani, Daniel Schachter, Giorgio Bianchi, Eric Cordier e Simon Emmerson, tutte ispirate al tema delle modificazioni ambientali incontrollate operate dall’uomo tecnologico e gli effetti devastanti che da queste derivano.
Il concerto sarà preceduto alle ore 21.45 dalla performance di danza Butoh, Crepe tra le ossa, di e con Marcella Fanzaga su musiche acusmatiche di Dante Tanzi, ispirata al concetto di perdita di qualcosa su cui contiamo, e al timore di un inesorabile declino. Mentre la danzatrice attraversa la scena e il tempo si dilata in un lento scorrere di minuti, i suoni elettronici si propagano in un lungo crescendo, verso un tremito inarrestabile. Le ossa pian piano si ‘crepano’, non sorreggono più.

A seguire, mercoledì 13 settembre alle 22.15 Lichens, il concerto che presenta in prima esecuzione assoluta otto nuove composizioni acusmatiche di Manfredi Clemente, Giovanni Cospito, Cara Arndt, Sophie Delafontaine, Sandra Elizabeth Gonzalez, Gianluca Delfino, Maylis Raynal e Constantin Popp, tutte ispirate ai licheni e pubblicate su CD dall’etichetta obs di Rostov in occasione del XXX convegno della Società Lichenologica italiana, organizzato quest’anno a Torino. I licheni sono importanti dal punto di vista ecologico per la loro sensibilità agli inquinanti atmosferici e per questo vengono detti bioindicatori. La presenza nell’aria di alcune sostanze, come il biossido di zolfo, porta a modificazioni della crescita del lichene. Studiando la crescita di questi organismi è possibile valutare la qualità dell’ambiente.
Il concerto sarà preceduto alle 21.45 da In Between Simbiosis, performance di danza Butoh di e con Ambra Gatto Bergamasco con musiche acusmatiche di Evelyn Frosini costruite utilizzando materiali sonori tratti da registrazioni di campane, ciotole, gong e graffi sul violoncello e di Gabriele Balzano che utilizza materiali sonori derivanti da registrazioni idrofoniche di un torrente valsesiano.

audior_strumenti_acusmatica22b
Strumenti acusmatica

La musica acusmatica è un’arte sonora le cui opere sono realizzate con suoni ripresi da microfono e/o sintetizzatore, manipolati e fissati su supporto analogico o digitale.
Si differenzia sia dalle elettroniche “di consumo” per l’assenza di suoni di batteria elettronica che scandiscono il tempo, sia dalla musica elettroacustica o elettronica dal vivo (di origine “colta” o “popular”) perché, in “concerto”, non sono presenti strumentisti che producono o elaborano suoni.
Infatti la musica acusmatica è un tipo particolare di musica creata per essere ascoltata tramite una complessa rete di altoparlanti, detta “acusmonium”.
L’acusmatica utilizza qualunque tipo di materiale sonoro, spostando continuamente il confine tra suono e rumore fino a considerare tutti i suoni esistenti o immaginabili potenzialmente idonei per la creazione artistica.
Il termine “acusmatico” viene coniato dal compositore francese Pierre Schaeffer (inventore della “musica concreta”) nel libro “Traité des Objets Musicaux” del 1966 e deriva da “akusmatikoi”, la scuola pitagorica i cui discepoli udivano il maestro parlare dietro ad un velo: nell’arte acusmatica, il velo è una metafora dell’altoparlante.

La danza Butoh (che attinge caratteristiche dalla performance art e dal teatro fisico sviluppato da Grotowski) è stata definita la danza dell’anima, una forma espressiva molto elevata, capace di portare all’esterno i paesaggi poetici di ogni danzatore, la relazione tra spazio e corpo, l’ascolto interiore, la capacità di movimento interno che prende vita attraverso il corpo. Nasce negli anni ’50 nel dopoguerra giapponese, che per il Giappone significa soprattutto “dopo Hiroshima”, come risposta, in forma nipponica, alle esigenze artistiche dell’arte di avanguardia. Tatsumi Hijikata, fondatore di questa disciplina, avverte l’esigenza di trovare nuove forme espressive che permettano la ribellione del corpo e dello spirito attraverso un nuovo codice corporeo. Kazuo Ohno, uno dei più grandi ballerini del mondo, amico e collaboratore di Pina Bausch è considerato il più grande interprete delle coreografie di Hijikata. Negli anni ’70 il Butoh arriva in Europa attraverso i contenitori artistici di rottura e di trasformazione che caratterizzano il clima artistico europeo di quegli anni.

Teatro Espace Via Mantova 38, Torino
www.salaespace.it
Costo 10 euro con calice di vino offerto dal Moving Bodies Festival.Ingresso ore 20.45
Inizio performance di Danza Butoh ore 21.45 – Concerto a seguire
Prenotazioni e info: prenotazioniespace@gmail.com – cell 339238424

Programma di sala reperibile online su
http://www.audior.eu/tsunami-e-licheni/

[Foto in alto: Marcella Fanzaga]

Il tuo commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi