Davide Dato, Primo Ballerino del Wiener Staatsoper, fra pochi giorni a Roma

davide-dato-nel-concerto-di-capodanno-a-vienna
Davide Dato al concerto di Capodanno a Vienna

In molti lo avranno visto danzare all’ultimo Concerto di Capodanno che ogni anno viene trasmesso in mondovisione da Vienna, stiamo parlando dell’italianissimo Davide Dato, oggi primo ballerino del Wiener Staatsoper.

Dato è nato a Biella, ma ha iniziato la sua formazione di ballerino a Milano. Dopo l’audizione per entrare all’Accademia del Teatro alla Scala viene preso per il periodo di prova, quindi si trasferisce nella capitale meneghina, cambia scuola, e vive in collegio. Come tanti altri ragazzi della sua età, diventa a 15 anni improvvisamente adulto. Ma dopo un mese di prova all’Accademia della Scala viene scartato. ”La mia statura non era sufficiente per danzare – afferma il ballerino in un’intervista –  in poche parole ero troppo basso per intraprendere questa carriera.”

davide-dato-sullo-sfondo-il-teatro-di-vienna
Davide Dato. Sullo sfondo il Teatro di Vienna

Questo naturalmente non ha scoraggiato il ragazzo che  facendosi forza ha deciso di guardarsi intorno scoprendo così il MAS di Milano, uno dei centro di formazione in grado di offrire un’offerta formativa ampia capace anche formare  ballerini televisivi, perché questo sembrava deciso a fare il ragazzo in un primo tempo.

Al Mas scoprono subito il suo talento e gli viene consigliato di inviare all’Accademia di  Vienna una cassetta con una sua esecuzione. A due settimane dall’invio di quella cassetta però nessuno si era fatto vivo. Davide aveva perso le speranze, pensando che quel provino non avesse convinto la giuria della scuola viennese. Fu sua madre allora a chiamare la scuola scoprendo che la cassetta non era mai arrivata nel posto giusto. Recuperata e visionata, la direttrice decise invece di affidare al ragazzo una borsa di studio completa .

il-biellese-davide-dato-testimonial-della-ypsilon
Davide Dato testimonial dell Ypsilon

Davide quindi si trasferisce all’estero ed arrivato nella capitale austriaca non fu tutto “rose e fiori”. Parlava pochissimo inglese e non spiccicava nemmeno una parola in tedesco. L’unico modo che aveva per esprimersi era il linguaggio del corpo. Ed evidentemente si è espresso molto bene se, dopo il diploma nella Ballettakademie, per lui si sono aperte le porte del Corpo di Ballo diretto dal 2010 da Manuel Legris. Davide sei anni fa ha iniziato un brillante percorso professionale culminato, lo scorso maggio 2016, nella nomina ad Erste Solotänzer (Primo Ballerino), il grado più alto per i ballerini del teatro viennese.

Possimamente la città di Roma  lo vedrà protagonista accanto alle più importanti stelle internazionali del balletto nel  gala Les Étoiles, a cura di Daniele Cipriani, in scena il 18 e il 19 marzo 2017 sul palcoscenico dell’Auditorium Conciliazione. Davide Dato danzerà l’assolo di Patrick de Bana Labyrinth of Solitude e il Grand Pas Classique di Victor Gsovsky con la prima ballerina dell’Opera di Vienna Liudmila Konovalova.

Nei desideri di Davide Dato ci sono due ruoli che non ha non ancora interpretati: Romeo e Giulietta di John Cranko e L’histoire de Manon di Kenneth MacMillan e un altro suo sogno sarebbe quello di fare un film sulla danza. E noi gli auguriamo vivamente che ogni suo desiderio diventi realtà quanto prima.

Francesca Camponero

Il tuo commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi