Caino e Abele, una storia che serve perché ci fa ricordare

Roma, Sala Umberto
Giovedì 19 e venerdì 20 gennaio 2017, ore 10.30

compagnia RODISIO
CAINO E ABELE
di Manuela Capece e Davide Doro
con Florian Piovano ed Emanuele Segre

una produzione compagnia RODISIO/TAK Theater Liechtenstein
in collaborazione con
Resistere e Creare (Genova)/Fuori Luogo Auditorium Dialma Ruggiero (La Spezia)
un ringraziamento a Balletto Civile e Trickster-p

Questa storia ci serve perché ci fa ricordare.

E perché ci permette di parlare di questo nostro mondo oggi che continua a non saper perdere, che non vuole perdere mai. La sconfitta non è ammessa, la paura nemmeno.

E lo devi imparare subito, fin da piccolo.

La violenza di oggi è quella di quel tempo lontano.

Il perdente è escluso. La risposta deve essere sempre violenta.

Perché? Non ci sono altre possibilità? Altre soluzioni?

caino-e-abele_ph-m-zanghellin
Caino e Abele (foto: M. Zanghellin)

Reduce dal successo di pubblico e critica in Liechtenstein e al Teatro della Tosse di Genova, arriva alla Sala Umberto di Roma, nella stagione di teatro ragazzi, giovedì 19 e venerdì 20 gennaio (ore 10.30) la compagnia RODISIO con “Caino e Abele”, spettacolo di danza rivolto al pubblico giovane (dagli 8 anni) e adulto, di Manuela Capece e Davide Doro, con Florian Piovano ed Emanuele Segre.

Questa storia antica, semplice e crudele ci serve – scrivono Manuela Capece e Davide Doro – perché ritroviamo in questa storia lontana qualcosa di oggi. La raccontiamo priva dei suoi aspetti religiosi, prendendo dalla Bibbia e dal Corano i passaggi fondamentali di un intreccio topico, per arrivare ad una narrazione simbolica e contemporanea.

Caino e Abele sono due ragazzi, come tutti i giovani sono forti e belli, pieni di entusiasmo ed energia. E come tutti i giovani devono ancora imparare tutto della vita, guardano il mondo con occhi curiosi e braccia impazienti, le loro gambe non si fermano mai. Ascoltano e guardano tutto, sentono il ritmo della terra, sentono il beat, Caino e Abele sono due giovani breakers, Florian Piovano ed Emanuele Segre, due ragazzi abituati a sfidare l’asfalto, ballando per strada.

La compagnia RODISIO racconta questa storia con la break dance, una street dance che affonda le sue radici nella ribellione degli anni ’70, l’espressione libera di un corpo giovane in una strada affollata. Un modo di ballare che rompe le regole e ne inventa di nuove, la rappresentazione di una generazione che, passo dopo passo, inventa una propria vita.

A questa danza grezza, si accostano parole, domande e numerose immagini di un’arte grezza e terrestre propria di questa danza. Sono immagini rubate all’Art Brut, all’arte primitiva e aborigena, alla street art, al graffitismo americano, europeo, sudamericano, alla Pop Art: immagini a tratti rozze e infantili, a tratti crude, ironiche e grottesche. Da Carlo Zinelli all’arte grezza giapponese, da Basquiat a Yayoi Kusama. Opere di deboli, esclusi, emarginati, perdenti, molto diverse tra loro che aprono ad un immaginario ibrido, espressioni di spiriti sensibili, naif, fragili e appassionati.

La storia è quella di un vincitore e di un perdente. Caino e Abele si vogliono bene, perché sono fratelli e, come tutti i fratelli, giocano, combattono, si aiutano, stanno da soli, si guardano, ridono, tornano vicini. Poi, come nella vita di tutti, arriva il giorno di una prova, una sfida, forse un rito che segna il loro passaggio all’età adulta. Vince Abele. Caino perde e non riesce ad accettare la sconfitta perché chi perde è sconfitto, l’escluso. Caino ha paura, il suo cuore e la sua mente si confondono. E così, la prima cosa che Caino pensa è uccidere il fratello. E lo fa. Compie un’azione violenta e irrimediabile e si dispera per sempre.

Questa storia ci serve per fare domande – scrivono i RODISIO –  tante domande ai bambini, perché sappiamo che loro possono darci risposte nuove e sorprendenti. Ne siamo sicuri. Ci serve per parlare di amore fraterno, di quanto si può imparare da una sconfitta, di nuove possibilità da trovare, di crescita, di cosa vuol dire vivere insieme, essere insieme. E forse un po’ anche di pace.

Info
Sala Umberto, Via della Mercede, 50 – 00187 Roma
tel. 06.6794753
www.salaumberto.com/teatroragazzi/699-caino-e-abele.html

compagnia RODISIO

Manuela Capece e Davide Doro, attori, autori e registi che lavorano insieme dal 1997, fondano la compagnia RODISIO nel 2005.

Da allora la compagnia porta avanti il suo lavoro in Italia e all’estero, produce spettacoli per bambini e per tutti, cura e progetta percorsi di ricerca e di formazione per bambini, ragazzi e adulti.

I suoi spettacoli sono tradotti in 10 lingue, francese, inglese, spagnolo, portoghese, catalano, greco, russo, tedesco, danese e giapponese.

Produce i suoi spettacoli, oltre che in Italia, in Inghilterra, Giappone, Russia, Danimarca e Liechtenstein.

Dal 2005 è in tournée in Italia e all’estero: Francia, Inghilterra, Scozia, Irlanda, Irlanda del Nord, Svizzera, Belgio, Olanda, Danimarca, Germania, Svezia, Liechtenstein, Spagna, Portogallo, Cipro, Lituania, Russia, Serbia, Croazia, Giappone, Taiwan, Corea, Canada, Stati Uniti.

Il suo linguaggio scenico si nutre di quotidianità, per farne emergere gli aspetti più sorprendenti, parlando sempre con ironia e leggerezza. Insegue, con passione, un’idea di apertura e condivisione e cerca la sua crescita nel viaggio e nel contatto con lingue, culture e pubblici differenti.

Dopo anni di nomadismo teatrale in giro per il mondo, il prossimo anno la compagnia RODISIO inaugurerà a Como, LA CARTIERA, uno spazio di 250 mq, porzione di una vecchia cartiera dei primi del ‘900, un laboratorio aperto per la città, un luogo dedicato alla ricerca, alla sperimentazione, uno spazio culturale condiviso.

INFO

compagnia RODISIO
via Sabotino, 8 – Cadorago, Como – IT
T. +39 349 8730841 / +39 349 8638140
info@rodisio.it

Estratti Stampa

È veramente incredibile come Manuela Capece e Davide Doro della Compagnia Rodisio, qui in una produzione con TAK Theater Liechtenstein, in collaborazione con Festival Resistere e Creare (Genova) /Fuori Luogo Auditorium Dialma, Ruggiero (La Spezia), riescano a creare spettacoli spesso significativi partendo da materiali e linguaggi apparentemente sempre diversi tra loro […] Ne abbiamo avuto una riconferma sul primo studio di Caino e Abele visto a Bari, dove partendo da una storia comune all’immaginario di tutti, una vicenda antica come quella di Caino e Abele, Rodisio riesce a parlare agli adolescenti di oggi in modo diretto con gli stessi linguaggi che i ragazzi utilizzano […] Caino e Abele fin da questo primo studio si configura come uno spettacolo di rara intelligenza, forza e intensità dove le nuove generazioni possono specchiarsi riconoscendo tutte le loro caratteristiche in modo originale e assolutamente contemporaneo.

[Mario Bianchi, Eolo]

Diventare adulti, la difficile avventura è di scena nei festival di teatro ragazzi. L’hip-hop proposto sul palco è protagonista di Caino e Abele, dove Manuela Capece e Davide Doro della compagnia Rodisio, partendo da una storia patrimonio del comune immaginario, riescono a parlare agli adolescenti di oggi della loro stessa essenza, in modo diretto e con i loro linguaggi: la danza, la musica che l’accompagna e che accosta Schubert ai Queen e a Carmen McRae, le immagini di un’arte libera e primordiale che vive fuori dai musei.

Mentre, come fosse un enorme computer, sullo schermo appaiono le parole che narrano di Caino e Abele e pongono le grandi domande della vita, accompagnate dalla danza in modo mai didascalico.

Tutti gli elementi si mescolano a creare un catalogo dei sentimenti che caratterizzano oggi l’adolescenza, sentimenti che devono essere guidati ed educati per non ridursi agli impulsi violenti di cui la storia di Caino e Abele è caso esemplare.

[Mario Bianchi, Hystrio, 3/2016]

Link trailer Caino e Abele


Calendario Caino e Abele

17 e 18 gennaio 2017, Napoli, Teatro dei Piccoli, Le Nuvole – casa del contemporaneo
19 e 20 gennaio 2017, Roma, Sala Umberto I
8 febbraio 2017, Casalecchio di Reno (Bo), Teatro Laura Betti
10 febbraio 2017, Cattolica, Teatro della Regina
14 e 15 febbraio 2017, Macerata, Teatro Lauro Rossi
16 febbraio 2017, San Benedetto del Tronto, Teatro Concordia,
17 febbraio 2017, Recanati, Teatro Persiani
21, 22 e 23 febbraio 2017, Taranto, Teatro Crest
29 marzo 2017, La Spezia, Fuori Luogo
30 marzo 2017, Genova, Teatro della Tosse (da confermare)
11 e 12 aprile 2017, Ferrara, Sala Boldini
21 – 25 aprile 2017, International Theatre Kingfestival, Velikiy Novgorod, Russia

Un pensiero riguardo “Caino e Abele, una storia che serve perché ci fa ricordare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi