Alla Sadler’s Wells di Londra il Balletto Nazionale della Cina presenta Peony Pavillon

peony-pavilion-ma-xiaodong-national-ballet-of-china
Peony Pavillon, Ma Xiaodong National Ballet of China

Da stasera, 29 novembre fino al 3 dicembre arriva a Londra il Balletto Nazionale della Cina con Peony Pavilion, spettacolo di gusto il cui stile si distingue per essere tanto originale quanto accattivante. Sul palcoscenico della Sadler’s Wells gli splendidi danzatori coreografati da Fei Bo uniscono danza classica occidentale con influenze tradizionali dell’Estremo Oriente,  presentando uno spettacolo che sembra arrivare da un altro mondo, mentre viene proprio da  Pechino.

peony_La storia si basa su un equivalente cinese di Romeo e Giulietta, una storia di passione ambientata nel XVI  secolo in cui si contrappongono ostacoli impossibili. A differenza della narrazione rosso sangue di Shakespeare, Peony Pavilion è raccontata attraverso un linguaggio rarefatto di colori, simboli e visioni. L’eroina del balletto, Liniang, si innamora solo in un sogno, e l’effetto tumultuoso che questo ha sulla sua vita si esprime attraverso una sequenza di incantevoli vignette altamente ritualizzate. L’angoscia del desiderio che Liniang sente al risveglio viene esternalizzata attraverso la presenza dei suoi due alter ego. L’angoscia di Liniang continua, e si esprime come un fluido attraverso l’ensemble di un coro di fanciulle vestite di bianco i cui delicati movimenti di danza sembrano scossi da raffiche di desiderio. Queste sono indubbiamente le più belle immagini del balletto a cui segue la scena in cui Liniang muore per amore e mentre si gira di scatto scendono fiocchi di neve che lentamente la avvolgono per condurla in un mondo sotterraneo e buio.

national-ballet-of-china-the-peony-pavillion-10300Solo così Liniang è finalmente consegnata  alle braccia del suo amante, ma questo non è un matrimonio da favola di routine. Attraverso la morte Peony Pavilion piuttosto vuole ricongiungere il mondi dei mortali e quello dell’aldilà che si intrecciano in un selvaggia spirale di danza , un’ unione cosmica atta a celebrare il matrimonio di tutto l’universo.

Il balletto aveva fatto il tutto esaurito al Festival di Edimburgo nel 2011, ed ora è diventato un gioiello nel repertorio del Balletto Nazionale della Cina. Avvalendosi delle musiche post-modern di Holst, e quelle più note di Prokofiev e Debussy, nonchè di costumi coloratissimi, Peony Pavilion è una festa sontuosa  che ammalia ed a cui non si può mancare.

Francesca Camponero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi